Mef – Il Ministro dell'Economia Tria, in audizione sul Documento di Economia e Finanza davanti alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato.

I dati dei primi due mesi dell'anno sono "incoraggianti, la produzione ha invertito il trend negativo" e questi elementi "lasciano ritenere che la previsione per il 2019 sia equilibrata".

AUMENTO IVA CONFERMATO, IN ATTESA DI MISURE ALTERNATIVE - Il Titolare del dicastero di Via XX Settembre sottolinea anche che "la legislazione vigente in materia fiscale è confermata in attesa di definire, nei prossimi mesi, misure alternative" e ribadisce “la legge di bilancio del prossimo anno continuerà il processo di riforma della flat tax e di generare semplificazione nel sistema per alleviare il carico fiscale nei confronti del ceto medio".

INCLUSIONE E CRESCITA, PILASTRI DEL GOVERNO - Secondo quanto riferito, il Def "conferma i pilastri dell'azione governativa: rafforzare l'inclusione e ridurre il gap di crescita" con gli altri Paesi europei.

IL GOVERNO NON HA PECCATO DI OTTIMISMO - Eppure, la revisione al ribasso delle stime di crescita c’è stata, ma Tria che difende l'operato dell'esecutivo, la definisce "pienamente coerente con l'evoluzione della situazione economica generale": "A dicembre era all'1% al di sotto dell'1,2% della Ue". Questo, secondo il ministro, "consente di sottolineare che il governo non ha affatto peccato di ottimismo" e che "le revisioni si sono rese progressivamente necessarie scontando l'andamento della seconda metà del 2018, inferiore ad attese che avevamo chiaramente indicato come rischi di previsione".

CAPITOLO SPREAD - Per l'andamento dello spread "saranno importanti i piani del Governo e l'incisività delle riforme, ma anche gli orientamenti che il Parlamento avrà sul Bilancio", aggiunge Tria, precisando che il Def non tiene conto dei potenziali benefici di uno spread più basso, e che "i rendimenti italiani sono ancora troppo alti alla luce dei fondamentali della nostra economia, nonostante il miglioramento dopo l'intesa con l'Unione europea sulla legge di bilancio".

Leggi il testo integrale dell’Audizione

© Copyright Format Research S.r.l. - All rights reserved - P. IVA e C.F. 04268451004
Cap. Soc. € 25.850,00 I.V.
N.Reg. Imprese 747042. C.C.I.A.A. Roma
N° iscrizione ROC: 28204
Via Ugo Balzani, 77 - 00162 Rome (Italy)
Via Sebastiano Caboto, 22/A – 33170 Pordenone (Italy)
Tel +39 06 86.32.86.81
Fax +39 06 86.38.49.96.a
info@formatresearch.com