Confcommercio - Nessuna tensione sui prezzi

"Il dato di giugno conferma l'assenza di tensioni sui prezzi al consumo. L'aumento congiunturale (0,2%) è ascrivibile a fattori stagionali (trasporti, servizi ricettivi e ricreativi, eccetera) e l'inflazione di fondo resta sul mezzo punto percentuale. L'aspetto complessivamente favorevole è il sostegno al potere d'acquisto delle famiglie. Quello negativo è che la crescita dei prezzi è, comunque, per la metà dovuta all'area dell'energia ciò comporta uno spostamento di risorse dai soggetti trasformatori di materie prime ai produttori di petrolio": è il commento dell'Ufficio Studi di Confcommercio sui dati Istat. "La fragilità dei consumi più tradizionali - conclude l'Ufficio Studi - è testimoniata dall'azzeramento o quasi della variazione tendenziale dei prezzi su alimentari e bevande, abbigliamento e arredamento. Il turismo e i servizi connessi, anche sul fronte inflazionistico mostrano buona vitalità, però insufficiente a sostenere il sistema economico nella sua interezza. Il gap di crescita dell'Italia si riflette in parte anche nel perdurante gap inflazionistico rispetto al resto dell'Europa".

© Copyright Format Research S.r.l. - All rights reserved - P. IVA e C.F. 04268451004
Cap. Soc. € 25.850,00 I.V.
N.Reg. Imprese 747042. C.C.I.A.A. Roma
N° iscrizione ROC: 28204
Via Ugo Balzani, 77 - 00162 Rome (Italy)
Via Sebastiano Caboto, 22/A – 33170 Pordenone (Italy)
Tel +39 06 86.32.86.81
Fax +39 06 86.38.49.96.a
info@formatresearch.com