Ufficio Parlamentare di Bilancio - Pubblicata la Nota sulla congiuntura di luglio 2019

Dopo il timido accenno di ripresa del primo trimestre dell’anno, l’economia italiana ha subito un nuovo stop. Secondo la Nota sulla congiuntura di luglio occorrerà attendere la seconda parte dell’anno per intravvedere qualche segnale di recupero; recupero insufficiente, però, a spostare significativamente le lancette del barometro economico dallo zero per il 2019. La situazione dovrebbe gradualmente migliorare il prossimo anno; anche se, quanto più l’orizzonte di previsione si allunga tanto più crescono incertezza e potenziali incognite.

Nel segno della stagnazione – Negli ultimi quattro trimestri di contabilità nazionale disponibili il PIL ha oscillato attorno a un valore medio nullo (fig. 1). I consumi hanno mostrato un profilo molto contenuto, confermato anche all’inizio del 2019 (0,1 per cento l’aumento congiunturale del primo trimestre). La dinamica degli investimenti s’indebolisce, soprattutto per le componenti diverse dalle costruzioni; le esportazioni scontano il deterioramento del commercio internazionale, ma tengono le quote di mercato estero. Gli indicatori congiunturali più recenti indicano una dinamica produttiva debole: nonostante l’aumento della produzione industriale registrato a maggio, le stime UPB indicano che l’attività dell’industria sarebbe tornata a contrarsi nel secondo trimestre (0,8 per cento rispetto alla media gennaio-marzo).

 

Testo integrale

 

© Copyright Format Research S.r.l. - All rights reserved - P. IVA e C.F. 04268451004
Cap. Soc. € 25.850,00 I.V.
N.Reg. Imprese 747042. C.C.I.A.A. Roma
N° iscrizione ROC: 28204
Via Ugo Balzani, 77 - 00162 Rome (Italy)
Via Sebastiano Caboto, 22/A – 33170 Pordenone (Italy)
Tel +39 06 86.32.86.81
Fax +39 06 86.38.49.96.a
info@formatresearch.com