FMI – Dal discorso di Kristalina Georgieva, direttore del Fondo Monetario Internazionale

L'economia mondiale si trova di fronte a venti contrari. In effetti, dopo una ripresa sincronizzata, stiamo affrontando un rallentamento sincronizzato. Una decelerazione in quasi il 90 percento del mondo significa che quest'anno la crescita dovrebbe raggiungere solo il 3 percento, il tasso più basso dall'inizio del decennio.
Sì, l'economia globale è ancora in crescita, ma troppo lentamente.
Ciò è in parte dovuto al fatto che le tensioni commerciali stanno influenzando la fiducia e gli investimenti delle imprese. Aggiungete a questa maggiore incertezza - dalla Brexit alle tensioni geopolitiche - e un'ulteriore resistenza alla crescita da pressioni demografiche e livelli di debito record.
Tutto ciò comporta una preoccupante prospettiva a medio termine, soprattutto nei paesi che già affrontano difficoltà, tra cui alcuni dei paesi del programma del Fondo.
Stimiamo che 45 paesi in via di sviluppo, per un totale di quasi 1 miliardo di persone, cresceranno più lentamente in termini pro capite rispetto al mondo avanzato. Invece di recuperare terreno, quei paesi sono destinati a rimanere indietro.
Per far fronte a questa sfida, dobbiamo intensificare la cooperazione all'interno e oltre i confini.

Testo integrale (ING)

 

© Copyright Format Research S.r.l. - All rights reserved - P. IVA e C.F. 04268451004
Cap. Soc. € 25.850,00 I.V.
N.Reg. Imprese 747042. C.C.I.A.A. Roma
N° iscrizione ROC: 28204
Via Ugo Balzani, 77 - 00162 Rome (Italy)
Via Sebastiano Caboto, 22/A – 33170 Pordenone (Italy)
Tel +39 06 86.32.86.81
Fax +39 06 86.38.49.96.a
info@formatresearch.com