monday outlook | 2 12 ‘19

Il 26 novembre si è celebrata a Roma e nel resto d’Italia, nelle numerose sedi di Confcommercio, la giornata dedicata alla legalità, #legalitàcipiace! Quello della legalità è un tema fondamentale che ci tocca tutti da vicino visto che piaghe come la contraffazione e l’abusivismo non solo indeboliscono tutta la filiera del Made in Italy e la salute del sistema Paese, sovvenzionando le catene della criminalità organizzata, ma hanno anche una preoccupante ricaduta sociale che è difficile da quantificare ma non è meno pesante da valutare, come ha detto del suo discorso il presidente di Confcommercio Sangalli, di fronte al Ministro degli Interni Lamorgese. E attraverso l’indagine Confcommercio su Illegalità, Contraffazione e Abusivismo, condotta con Format Research, si può scendere nel dettaglio dei numeri e scoprire che la contraffazione in Italia è in continua crescita: nel 2019 quasi un consumatore su tre ha acquistato un prodotto contraffatto o usufruito di un servizio illegale.

In novembre, l’ €-coin, l’indicatore sviluppato dalla Banca d'Italia, che fornisce in tempo reale una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro, ha registrato un lieve aumento in ottobre, confermando la prosecuzione della fase di modesta espansione dell’attività nell’area.

I Conti Economici Trimestrali di Istat mostrano una situazione con segnali moderatamente positivi: il Pil ha segnato un lievissimo incremento congiunturale, con una prosecuzione della fase di quasi ristagno dell’attività economica persistente ormai da quasi due anni; per la domanda, c’è una spinta della componente interna, alimentata dal recupero dei consumi privati e dal riemergere di un contributo positivo delle scorte; il lavoro totale è cresciuto nonostante l’attività economica molto debole e sono leggermente aumentate anche le ore lavorate. Meno bene la domanda estera netta, con la crescita delle importazioni e la “battuta d’arresto delle esportazioni.

A novembre 2019 l’Istat stima un deciso calo dell’indice del clima di fiducia dei consumatori, mentre l’indice composito del clima di fiducia delle imprese registra un lieve aumento.
A proposito di fiducia, è in calo in FVG nel Terziario così come i ricavi. È una situazione diversificata tra commercio al dettaglio, in difficoltà, e turismo, che invece gode di buona salute, come evidenzia l’indagine congiunturale sul terzo trimestre della Confcommercio Friuli Venezia Giulia in collaborazione con Format Research.
 

 

© Copyright Format Research S.r.l. - All rights reserved - P. IVA e C.F. 04268451004
Cap. Soc. € 25.850,00 I.V.
N.Reg. Imprese 747042. C.C.I.A.A. Roma
N° iscrizione ROC: 28204
Via Ugo Balzani, 77 - 00162 Rome (Italy)
Via Sebastiano Caboto, 22/A – 33170 Pordenone (Italy)
Tel +39 06 86.32.86.81
Fax +39 06 86.38.49.96.a
info@formatresearch.com