11/9/2012 00:00:00

Secondo un rapporto dell’OCSE l’Italia è scivolata al penultimo posto tra i paesi industrializzati per la spesa nella scuola, con una spesa per l’istruzione pari al 9% del totale della spesa pubblica, contro una media Ocse del 13%. L’Italia è al 31esimo posto su 32 paesi presi in considerazione, solo il Giappone è più avaro nei confronti della scuola. La spesa, sottolinea lo studio Education at a glance, è inoltre in calo rispetto al 9,8% del 2000 e se rapportata al Pil è pari al 4,9% contro il 6,2% della media Ocse, confermando la posizione di fondo classifica dell’Italia (31esima su 37 paesi). La spesa media per studente in Italia (9.055 dollari) non è lontana dai livelli Ocse (9.249 dollari), ma è diversamente distribuita tra i vari gradi di istruzione.
E’ sopra la media per la scuola dell’infanzia (nona su 34 paesi, con quasi 8mila dollari) e la primaria (decima su 35), mentre scende sotto la media per la scuola secondaria (18esima con 9.111 dollari) e per l’istruzione universitaria (24esima, con 9.561 dollari contro la media Ocse di 13.179).
La scuola dell’infanzia rappresenta per altro uno dei punti di forza del sistema italiano con uno dei livelli più elevati di frequenza (97% per i bambini di 4 anni) della zona Ocse. La penisola risulta – come in passato – sotto la media Ocse nei salari degli insegnanti, pari a 32.658 dollari l’anno nel 2010 nella scuola primaria contro i 37.600 della media Ocse, 35.600 dollari nella scuola media (39.400 Ocse) e di 36.600 nella scuola secondaria superiore contro 41.182 Ocse. Non solo, gli stipendi degli insegnanti, in Italia, sono anche decisamente più bassi rispetto a quelli degli altri i lavoratori con un’istruzione universitaria. Per gli insegnanti della primaria il rapporto è di 0,52 contro lo 0,82 della media Ocse (24esimo posto su 27 paesi), per la scuola media è di 0,60 contro 0,85 e per le superiori di 0,64 contro 0,90 (23esimo posto).

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi