15/11/2012 00:00:00

La crescita resta debole nell’eurozona, nonostante sia sostenuta dalle misure standard e non standard della Banca centrale europea e malgrado il miglioramento del clima di fiducia sui mercati. La Bce nel bollettino mensile di novembre sottolinea che anche per l’anno prossimo ci si attende una crescita debole. Le stime di crescita nell’eurozona per il 2012, 2013 e 2014 sono state riviste in peggio dagli economisti delle istituzioni private. Lo comunica sempre la Bce, presentando i risultati della Survey of Professional Forecasters. Il Pil 2012 è stimato a -0,5% (da -0,3%), nel 2013 a +0,3% (da +0,6%), nel 2014 a +1,3% (da +1,4%). Le stime sulla disoccupazione nell’eurozona per il 2012, 2013 e 2014 sono state riviste al rialzo dagli economisti delle istituzioni private. Lo si legge sempre nel Bollettino mensile dell’Eurotower, in cui si presentano i risultati della Survey of Professional Forecasters. Nel 2012 il tasso di disoccupazione sarà all’11,3%, nel 2013 all’11,6% e nel 2014 all’11,2%, in rialzo rispettivamente di 0,1, 0,2 e 0,4 punti percentuali.

Scarica il testo integrale
Bollettino Bce – Novembre 2012.pdf
 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi