16/9/2013 00:00:00

Il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, è intervenuto alla presentazione dell’indagine su spese obbligate e consumi delle famiglie. “Anche se alcuni importanti indicatori – come la produzione industriale, l’export, la fiducia di famiglie e imprese – cominciano a dare segnali di risveglio, purtroppo ancora non si registrano effetti di “contaminazione” sull’economia reale che anche quest’anno chiuderà con un altro segno meno. Confermiamo dunque le nostre stime di marzo: Pil a -1,7% e consumi a -2,4% per l’anno in corso. Insomma, non stiamo risalendo la china. In questa situazione è evidente, quindi, che la politica deve abbandonare il confronto muscolare e ritrovare subito il filo del dialogo per avviare al più presto una nuova stagione di riforme per rispondere alle emergenze economiche del Paese”. “Bisogna, dunque, evitare in tutti i modi – ha osservato Sangalli – una crisi di governo, perché il prezzo per imprese e famiglie, già stremate da una crisi senza precedenti, sarebbe veramente insostenibile. Chiediamo, quindi, al Governo di convocarci al più presto per definire un percorso rapido e certo di priorità, a cominciare dalla riforma fiscale, per ridurre le tasse e semplificare un barocco sistema di adempimenti”. “Ma, per agganciare la ripresa e renderla più robusta in termini di maggior crescita e nuova occupazione, bisogna far ripartire la domanda interna che, per consumi e investimenti, rappresenta l’80% del Pil. E il reddito pro-capite, 17.300 euro, è fermo al 1986. E’ evidente, dunque, che le famiglie patiscono da troppo tempo un’insopportabile crisi dei redditi – complice il continuo aumento della pressione fiscale – che riduce drasticamente le opportunità di consumo. “Per questo – ha aggiunto Sangalli – la prima cosa che il Governo deve fare è scongiurare definitivamente il previsto aumento dell’Iva dal 1° ottobre dal 21 al 22%. Un’eventualità che sarebbe davvero esiziale per famiglie e imprese già stremate da una crisi senza precedenti.” “Negli ultimi venti anni, la quota di spesa delle famiglie destinata ai consumi obbligati è cresciuta di oltre 8 punti percentuali a scapito dei consumi liberi. I prezzi di queste voci fisse di spesa sono costantemente cresciuti ad un tasso superiore di quasi il 70% rispetto ai prezzi dei consumi commercializzabili. Ciò accade perchè le spese obbligate – energia, assicurazioni, servizi pubblici locali – riguardano settori non ancora del tutto liberalizzati. E’ evidente, dunque, che un regime di maggiore concorrenzialità in questi settori contribuirebbe a ridurre i prezzi rendendo così disponibili maggiori risorse per i consumi delle famiglie. Infine, sui prezzi finali delle spese obbligate incide molto il ruolo del fisco, centrale e locale, che contribuisce a determinare un costoso scarto inflazionistico rispetto ai beni che passano dalla distribuzione commerciale”.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi