19/3/2014 00:00:00

Sono a rischio le previsioni di un incremento del Pil superiore allo 0,5% nel 2014, secondo Confindustria. La stima precedente dell’associazione era di +0,7%. “Due tipi di fattori frenano la ripartenza dell’economia italiana”, si legge nella congiuntura flash, l’incertezza sulla solidità dello scenario globale e handicap competitivi. Incidono, inoltre, sul fronte interno ”le lunghe code della crisi”.
L’attenzione va posta, secondo viale dell’Astronomia, ”sugli ostacoli fatti in casa, tutto ciò che rende il paese poco attrattivo per gli investimenti: dall’eccessiva regolamentazione ai tempi lunghi della pubblica amministrazione, dalla tassazione alta (in particolare il cuneo fiscale) all’inefficienza della spesa pubblica”. A questi si aggiungono la restrizione del credito ”che è tornata a mordere a gennaio” e una ”domanda interna molto fiacca”.

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi