29/7/2014 00:00:00

L’Abi stima “schiarite all’orizzonte, sia sul piano economico sia su quello finanziario”. Se quest’anno, secondo il rapporto Afo, il Pil crescerà marginalmente (+0,3%), nel biennio 2015-16 la crescita dovrebbe incrementarsi dell’1,3-1,4%.
Per le banche “ciò significa che, pur in presenza di un ammontare rilevante di crediti deteriorati ci sono segnali di un ritorno all’espansione dei prestiti, che aumenterà quanto maggiore sarà la ripresa degli investimenti e la caduta della rischiosità”.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi