13/11/2014 00:00:00

I più recenti dati sul sistema bancario confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock del credito si avvicinano a quota 0%, evidenziando come il credit crunch (ossia la retrocessione di risorse di imprese e famiglie verso il sistema bancario) sia entrato in una fase conclusiva. Continuano, invece, a provenire segnali negativi dalle sofferenze, sempre in forte crescita. I tassi di interesse mostrano qualche limitata tensione, ma ci si può attendere un’ulteriore riduzione nei prossimi mesi quando saranno pienamente attive tutte le azioni annunciate dalla BCE. Risale la liquidità attinta dalle banche presso la Banca d’Italia. Ad ottobre sono cresciute di 10 miliardi le MRO e calate di 6,5 miliardi le LTRO. Segnali positivi continuano a provenire dalla raccolta dei fondi comuni aperti a testimonianza di come stia crescendo la propensione all’investimento dei risparmiatori.

Scarica la versione integrale

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi