1/12/2014 00:00:00

Niente crescita in Italia e anche nel quarto trimestre è prevista una variazione nulla del Prodotto interno lordo, secondo quanto stima l’Istat, ma è la questione lavoro alla base di qualsiasi azione si voglia intraprendere se si vuole cercare di riportare la situazione economica del Paese in territori meno bui. Con essa devono essere risolte le gravi problematiche legate al ristagno dei consumi; si dovrà; affrontare le attualissime questioni di un turismo in crisi; si dovrà; porre un freno alla criminalità; che impatta pesantemente sulle imprese italiane che sono costrette a pagarne un dazio insopportabile.

C’è un allarme Ocse sulla ripresa: l’Italia tornerà; a crescere dello 0,2% l’anno prossimo e dell’1% quello successivo si tratta di un trend non sufficiente a riportare il tasso di disoccupazione sotto il 10%: senza lavoro, infatti, fino al 2016 rimarranno sopra al 12%.

Secondo quanto certifica l‘Istat, a ottobre 2014 gli occupati sono 22 milioni 374 mila, in diminuzione dello 0,2% rispetto al mese precedente (-55 mila) e sostanzialmente stabili su base annua. Il tasso di occupazione, pari al 55,6%, diminuisce di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali mentre aumenta di 0,1 punti rispetto a dodici mesi prima.

A settembre 2014 l’indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio segna una lieve diminuzione (-0,1%) rispetto al mese precedente. Nella media del trimestre luglio-settembre 2014, l’indice mostra una flessione dello 0,6% rispetto ai tre mesi precedenti (Istat). Sono numeri che, secondo Confcommercio, indicano il permanere di una situazione ancora difficile per le famiglie e l’indice di fiducia dei consumatori continua a scendere diminuendo a novembre a 100,2 da 101,3 del mese di ottobre, fonte Istat.

Secondo i dati Unioncamere poi, l’incuria del territorio colpisce oltre 5.000 imprese e in quattro anni il turismo ha perso più; di un terzo del fatturato con il record negativo nel 2014 (-16%).

La giornata organizzata da Confcommercio, Legalità; mi Piace, è stata un’importante occasione per ribadire che una libera e sana economia è tale se si sviluppa in un tessuto sano. Purtroppo, come ha dimostrato la ricerca di Format Research per Confcommercio, e di cui abbiamo parlato nell’ultima newsletter, il mercato dei falsi, della contraffazione e dell’abusivismo non conosce crisi e, nel discorso di apertura dell’evento, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli ha detto: “alla crisi economica, alla contrazione dei consumi e ai problemi occupazionali, si somma drammaticamente, anche il costo dell’illegalità; e la concorrenza sleale di chi non rispetta le regole”.
Successivamente, nell’approfondimento sul proprio territorio dei temi affrontati a livello nazionale, Confcommercio Roma, con la ricerca su l’impatto della criminalità; sulle imprese del commercio e del turismo di Roma e provincia, illustrata dal presidente di Format Research Pierluigi Ascani, è emerso quanto sia pesante il disagio, sottolineato poi dal presidente di Confcommercio Roma Rosario Cerra, che i commercianti subiscono a causa dell’insicurezza. Negli ultimi anni l’acuirsi della crisi ha lasciato ancora più; spazio al proliferare della criminalità; e così accade che per fare fronte al problema, molti commercianti si stanno cautelando con sistemi di sicurezza come telecamere e vetrine blindate e i dati indicano che questo genere di spese rappresentano circa il 10% del fatturato delle imprese. Un costo che si sta rivelando una vera e propria tassa occulta alla sicurezza, qualcosa che in un momento già; così difficile contribuisce a rendere la situazione economica ancora più; dura.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi