8/12/2014 00:00:00

Secondo l’Ufficio Studi Confcommercio scende il budget a disposizione perché la tredicesima disponibile per consumi sarà il 3,6% più leggera dell’anno scorso. Il 72,7% degli italiani prevede un Natale molto dimesso, ma l’85,2% farà comunque regali. Intanto a ottobre l’ICC registra una variazione nulla rispetto a settembre e un calo dello 0,5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.
Si avvicina a grandi passi un Natale sì di festa, ma di certo non per i consumi. Lo dicono i dati presentati da Confcommercio nel corso di una conferenza stampa convocata a Roma per fare il punto su peso delle tasse sui consumi, ammontare delle tredicesime e propensione alla spesa per le prossime festività. A contribuire al ribasso della spesa non sarà solo e tanto un fattore psicologico, quanto il calo delle risorse a disposizione. Come ha spiegato il direttore dell’Ufficio Studi Confcommercio, Mariano Bella, nel 2014 la tredicesima netta che andrà nelle tasche dei lavoratori sarà pari a 39,2 miliardi, lo 0,9% in più del 2013, ma tra Ici/Imu/Tari, canone Rai e tasse automobilistiche si dovranno spendere 9,5 miliardi, il 18% in più. La tredicesima disponibile per consumi si abbassa dunque a 29,7 miliardi, il 3,6% in meno dell’anno scorso, e quella effettivamente destinata ai consumi sarà di 28 miliardi, -3,2%, 41 euro in meno a famiglia. Giù anche la propensione agli acquisti, all’85,2% contro l’85,8% dello scorso anno (era all 33,7 nel 2009), mentre i regali saranno soprattutto tradizionali (l’84,8% rispetto al 15,2% di quelli tecnologici, percentuale comunque in costante crescita). Che la situazione sia difficile lo conferma poi, per finire, l’indicatore dei Consumi Confcommercio, che ad ottobre registra una variazione nulla rispetto a settembre e un calo dello 0,5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Mancano, insomma, veri sintomi di ripresa della domanda delle famiglie, i cui livelli sono del 12% inferiori rispetto alla fine del 2007. La fase di recessione-stagnazione che ha caratterizzato gran parte del 2014, non sembra dunque destinata a mutare radicalmente nei prossimi mesi.

Sangalli: “le tasse si portano via 1 miliardo e 400 milioni di potenziali consumi”

“Redditi al palo, fiducia in calo, ripresa incerta e faticosa e tasse ancora troppo alte rischiano di congelare i consumi anche per questo Natale. Il carico fiscale di dicembre neutralizza l’effetto positivo del bonus 80 euro e la crescita delle tredicesime: le tasse si portano via circa 1 miliardo e 400 milioni di potenziali acquisti. Resistono, per fortuna, il senso e la tradizione del Natale, anche s si spenderà meno. E’ dunque necessaria coraggiosa operazione fiducia ache abbassi il carico fiscale per dare ossigeno all’economia e fare ripartire i consumi.
Perché se ripartono i consumi, riparte il Paese”.

leggi l’indicatore dei Consuni Confcommercio di Ottobre

leggi Consumi gabbia fiscale
 

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi