29/11/2017 00:00:00

Gli europei non sono ancora pronti a dire addio al contante. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Banca Centrale Europea, che sottolinea come nel 2016 circa il 79% dei pagamenti nel Vecchio Continente sia stato effettuato ‘cash’ (per il 54% del valore complessivo); non solo, un consumatore su quattro tiene ancora i soldi in casa come forma precauzionale. Risultati che, si legge nel rapporto, “mettono a dura prova la convinzione che la moneta stia venendo rapidamente sostituita da mezzi di pagamento elettronici”.
E’ il Sud Europa il fanalino di coda della classifica sull’utilizzo dei contanti, in compagnia però di Germania, Austria e Slovenia. In fondo alla graduatoria, Italia, Grecia e Spagna, con una quota di transazioni in contanti rispettivamente pari all’86%, 87% e 88%, per un valore del 68% per Italia e Spagna e che sale al 75% per la Grecia. Peggio di tutti fa Malta, con il 92% delle transazioni in contanti per il 74% del valore complessivo. In testa invece Olanda ed Estonia.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi