Quasi trent’anni fa venivano uccisi dalla malavita organizzata due eroi della Repubblica Italiana: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Format Research era stata fondata soltanto da qualche mese, ma quei giorni sono ancora e sempre nella nostra memoria. Non potremo mai dimenticare il loro sacrificio che ha scosso le coscienze di un intero Paese che ha resistito e resiste tutt’ora ai subdoli attacchi della mafia perché, come ha detto il Presidente Mattarella nel suo Messaggio ai più giovani: I mafiosi, nel progettare l’assassinio dei due magistrati, non avevano previsto un aspetto decisivo: quel che avrebbe provocato nella società. Nella loro mentalità criminale, non avevano previsto che l’insegnamento di Falcone e di Borsellino, il loro esempio, i valori da loro manifestati, sarebbero sopravvissuti, rafforzandosi, oltre la loro morte: diffondendosi, trasmettendo aspirazione di libertà dal crimine, radicandosi nella coscienza e nell’affetto delle tante persone oneste.

Si va avanti con la fase2 e da lunedì riapriranno le palestre e le piscine. Ma fra novità più interessanti annotiamo che sono in arrivo 60 mila «assistenti civici» che avranno il compito di aiutare e vigilare durante la Fase 2. In settimana sarà lanciato il bando rivolto «a inoccupati, a chi non ha vincoli lavorativi, anche percettori di reddito di cittadinanza o chi usufruisce di ammortizzatori sociali». Ad annunciarlo, in una nota congiunta, sono il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, e il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, sindaco di Bari, spiegando che gli assistenti saranno «individuati su base volontaria». (vedi QUI)

I lutti e le sofferenze di questi mesi hanno inciso una ferita profonda nel popolo italiano e in tutto il mondo. Bisogna andare avanti e il ripristino della normalità è un cammino difficile e deve fare i conti anche con gli immensi danni che la crisi economica legata al Covid-19 ha procurato a cittadini e imprese. In questi giorni sono stati pubblicati molti studi al riguardo. Asseprim, nel suo Focus di approfondimento per l’emergenza Covid-19, realizzato in collaborazione con Format Research, stima che gli effetti diretti e indiretti del lockdown possano avere un impatto negativo pari a circa 4 miliardi di euro in termini di valore aggiunto prodotto dal settore dei servizi professionali alle imprese nell’arco del 2020. In Italia il comparto di servizi professionali alle imprese è sempre stato uno dei più solidi e rappresenta da solo circa il 23% del terziario con le sue 767.000 imprese; società di consulenza aziendale, risorse umane, servizi finanziari e assicurativi, ricerche di mercato, servizi di marketing, comunicazione e audiovisivi assicurano un’occupazione a più di 2,5 milioni di persone.

Ed è crisi economica senza precedenti in Provincia di Brescia, mostra l’Osservatorio Congiunturale Confcommercio realizzato con Format Research, la più grave dal secondo dopoguerra ad oggi. Crollo verticale della fiducia delle imprese del terziario. Il turismo (bar, alberghi e ristoranti) il settore più colpito. Crollo dei ricavi delle imprese, che in molti casi hanno visto azzerare le proprie entrate.

Le stime messe a punto dallo staff della Bce per l’impatto economico della pandemia sull’Eurozona indicano “che anche una profonda recessione di circa il 5% nel 2020 appare ora un esito favorevole, con scenari più gravi che indicano una contrazione fino al 12% del Pil.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi