2 Luglio 2020 – “Maggio segna l’avvio del percorso di ritorno alla nuova normalità post-Covid, della quale solo in parte si possono oggi indovinare le caratteristiche. Dopo mesi di forzata inattività, parte di coloro che erano usciti dal mercato sono tornati a svolgere una ricerca attiva di lavoro, situazione che ha contribuito in larga parte all’aumento dei disoccupati su base mensile (+307mila). Permane, comunque, ancora molto ampia l’area degli scoraggiati”: è il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati sugli occupati e i disoccupati a maggio diffusi dall’Istat. “Il quadro occupazionale si conferma molto critico, soprattutto per i dipendenti con contratto a termine, segmento in larga parte responsabile della riduzione mensile di circa 84mila occupati. Queste dinamiche, peraltro, sono compresse dal blocco dei licenziamenti e dal massiccio ricorso alla Cassa integrazione e ai Fondi di solidarietà. Senza un’accelerazione della ripresa, già soggetta a diffuse difficoltà all’inizio di giugno, diventa più concreto il rischio che in autunno il numero di occupati scenda considerevolmente. In questo contesto, un segnale prezioso e confortante è il pure modestissimo aumento degli indipendenti (6mila unità su aprile), a segnalare che, nonostante la cappa di incertezza, vi sia voglia di fare impresa e di scommettere sul futuro”, conclude l’Ufficio Studi.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi