IL TURISMO IN FVG E A PORDENONE REGGE L’URTO DELLA CRISI IN VIRTÙ DI UN’ESTATE OLTRE LE ATTESE,  MA LA TENUTA DEL SETTORE È APPENA SUFFICIENTE AD ASSICURARE LA SOPRAVVIVENZA DEL COMPARTO.

IL RIALZO DELLA CURVA DEL CONTAGIO RISCHIA DI VANIFICARE IL RECUPERO DEL TERZO TRIMESTRE DELL’ANNO.
4 Novembre 2020 – Le imprese del turismo rappresentano il 12% dell’intero tessuto imprenditoriale del FVG. Nove su dieci sono bar e ristoranti, una su dieci è un albergo (985 unità). Nella provincia di Pordenone gli alberghi sono 122. Nei primi nove mesi del 2020, malgrado il recupero rilevato nel terzo trimestre, è calato il numero di strutture alberghiere esistenti in FVG e, nello specifico, nella provincia di Pordenone, facendo segnare il peggior decremento rilevato negli ultimi dieci anni.

Dopo mesi di rallentamento, risale la curva dei contagi da COVID-19, materializzando lo spettro della temuta seconda ondata, che si presenta con numeri più marcati della prima. Tale fatto contribuisce a disegnare uno scenario di profonda incertezza in vista dell’ultima parte dell’anno, tanto che si è resa necessaria una revisione al ribasso delle previsioni di tutti i principali indicatori economici e del clima di fiducia degli operatori del territorio. In effetti, se il terzo trimestre ha coinciso con un recupero della fiducia delle imprese del terziario del FVG (tra cui anche le strutture alberghiere), è in calo l’outlook per gli ultimi mesi del 2020. Lo stesso trend si verifica isolando le imprese del turismo del territorio di Pordenone: pur mostrando queste un livello di fiducia più elevato della media regionale (sebbene più contenuto rispetto al resto delle imprese del terziario), è evidente il nuovo decremento atteso in vista dei prossimi mesi, caratterizzati da un notevole livello di instabilità che interessa in special modo la componente della ricezione nell’ambito del comparto turistico. Restano in ogni caso i buoni risultati ottenuti nel terzo trimestre dalle strutture alberghiere in FVG e a Pordenone, capaci di minimizzare l’impatto della prima ondata del virus in virtù di una stagione estiva turistica superiore alle attese post-lockdown. Nel complesso dei primi otto mesi del 2020, pur mantenendo il segno negativo, i risultati degli operatori turistici del FVG appaiono di gran lunga superiori alla media nazionale, sia in termini di arrivi, sia in termini di presenze. Isolando i soli mesi estivi, il territorio di Pordenone mostra risultati anche superiori alla media del FVG. Il ritorno dell’epidemia rischia di vanificare gli sforzi profusi fin qui. Le azioni che saranno adottate per il contenimento del virus risulteranno decisive in questo senso.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi