La riduzione dell’ammontare di sofferenze

  • Nel 2019 sono state chiuse (i.e. eliminate dai bilanci) sofferenze per circa 34 miliardi. L’ammontare è in calo rispetto a quello registrato negli anni precedenti (78 nel 2018, 43 nel 2017), ma il rapporto tra le sofferenze chiuse e quelle in essere alla fine dell’anno precedente è stato di poco inferiore al valore medio registrato nei due anni precedenti (35% contro il 36%). Quasi tutte le principali transazioni sono state concluse facendo ricorso alle GACS, a cui corrisponde un ammontare di sofferenze cedute pari a 13,1 miliardi.
  • La riduzione delle sofferenze chiuse ha interessato sia quelle cedute sul mercato, sia quelle chiuse in via ordinaria; il loro controvalore si è comunque confermato quasi tre volte superiore a quello dei nuovi ingressi in sofferenza (12 miliardi). Il minore ammontare di posizioni chiuse riflette la contrazione delle sofferenze in essere nei bilanci delle banche (dal 2016 al 2018 le sofferenze sono passate da 192 a 98 miliardi), nonché la riduzione della loro anzianità media e quindi dell’ammontare di posizioni più vicine alla chiusura in via ordinaria.
  • Il mercato secondario per i crediti diversi dalle sofferenze (inadempienze probabili) ha continuato a crescere: l’ammontare dei crediti ceduti sul mercato è stato pari a 8,5 miliardi (4,3 miliardi nel 2018).
  • Per il 2020, nonostante lo scoppio della pandemia abbia frenato il mercato per alcuni mesi, l’ammontare complessivo dei crediti deteriorati ceduti, stimato in circa 30 miliardi, sarà superiore rispetto agli obiettivi fissati ad inizio anno, beneficiando sia di operazioni di carattere straordinario come quella realizzata da Monte dei Paschi di Siena, sia dell’incentivo introdotto dal DL Cura Italia che, a fronte di cessioni di crediti deteriorati, consente di convertire parte delle DTA ammissibili in crediti di imposta.

Documenti Allegati

TESTO INTEGRALE – NSFV_n23

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi