13 Gennaio 2021 – Nel novembre scorso il Misery Index Confcommercio  è salito a quota 21,2, due decimi di punto in più rispetto a ottobre. La ripresa della pandemia e le restrizioni alla mobilità e alle attività produttive hanno dunque solo leggermente esteso l’area del disagio sociale grazie alle limitazioni ai licenziamenti e alla deflazione in atto. Ma in primavera l’indicatore, avverte l’Ufficio Studi Confcommercio, potrebbe decisamente peggiorare aumentando sempre più per molte imprese il rischio di uscire dal mercato.

Quanto alle due componenti del Mic, nel mese il tasso di disoccupazione esteso viene calcolato a 17%, mentre i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto sono scesi dello 0,3% su base annua.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi