Se il momento era difficile e delicato per le conseguenze dovute alla pandemia da Covid-19, la crisi di governo in atto complica ulteriormente le cose. Tra lunedì 18 (mentre stiamo scrivendo) e martedì 19 sono previste le prove di Fiducia prima alla Camera e poi al Senato.

È stato pubblicato il primo Bollettino economico di Banca d’Italia del 2021. In Italia l’attività economica, dopo essere cresciuta più delle attese nel terzo trimestre, si è contratta nel quarto: sulla base degli indicatori disponibili, tale flessione è attualmente valutabile nell’ordine del -3,5 per cento, anche se l’incertezza attorno a questa stima è molto elevata. Dalla primavera il prodotto tornerebbe a crescere in misura significativa, con un’espansione del PIL attualmente valutabile nel 3,5 per cento in media quest’anno, nel 3,8 il prossimo e nel 2,3 nel 2023, quando si recupererebbero i livelli precedenti la crisi pandemica. Gli investimenti riprenderebbero a crescere a ritmi sostenuti, beneficiando delle misure di stimolo, e sarebbe considerevole la ripresa delle esportazioni; quella dei consumi sarebbe invece più graduale.

A novembre, scrive l’Istat, la produzione industriale italiana diminuisce sia su base congiunturale sia in termini tendenziali. Tra i principali settori di attività solo i beni intermedi registrano un modesto incremento congiunturale. Rimane, tuttavia, positiva la variazione della media degli ultimi tre mesi rispetto ai precedenti (+2,1%).

Nel confronto con febbraio 2020, mese antecedente all’esplosione della crisi pandemica, l’indice destagionalizzato è inferiore del 3,5%. A livello dei principali raggruppamenti di industria tutti i comparti risultano in diminuzione su base annua, particolarmente accentuata per i beni di consumo.

Secondo la stima definitiva dell’Istat sull’inflazione di dicembre, l’indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,2% su base mensile e diminuito dello 0,2% su base annua (come nel mese precedente). Rivista quindi la stima preliminare che indicava un aumento dello 0,3% su base mensile e un calo dello -0,1% su base annua. L’Italia è in deflazione da otto mesi consecutivamente.

L’emergenza Covid-19, primi sintomi di impatto sociale e prospettive nel nuovo periodo”, è il titolo della ricerca svolta da Format Research per conto di 50&Più dalla quale sono emersi molti dati importanti, utili per meglio comprendere il difficile momento attuale. La cosiddetta silver economy ha un ruolo centrale per nell’economia italiana: il Paese, provato dalla pandemia, trova un sostegno, in molti casi anche finanziario, nei più anziani, dove i pensionati sono fra i cittadini che minormente hanno visto ridurre il proprio reddito. Dall’indagine emerge anche un quadro di sostanziale pessimismo, con oltre il 70% degli intervistati che ritiene che nei prossimi tre anni l’Italia sarà uno stato impoverito.

La ricerca dell’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario di Bergamo e dell’Ente Bilaterale Alberghiero e dei Pubblici Esercizi di Bergamo, condotta da Format Research, mostra come sono cambiati, in tempi di coronavirus, i comportamenti di acquisti dei consumatori bergamaschi e quali esigenze sono emerse per le imprese del territorio. “Questa indagine è una delle prime in Italia a proporre una doppia prospettiva (consumatori e imprese) di lettura – spiega Pierluigi Ascani, presidente di Format Research -. È stata infatti utile non solo per esplorare le tendenze di consumo e quindi le esigenze del commercio e dei pubblici esercizi per rispondere all’impatto della crisi ma anche per capire come le imprese si siano strutturate per fronteggiare un anno orribile come quello appena concluso.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi