WEFGlobal risks 2021 del World Economic Forum

20 Gennaio 2021 – Il Wef avverte che la pandemia rischia innanzi tutto di ampliare la disparità di poter usare le tecnologie e di avere competenze digitali, e questo in futuro potrebbe “mettere in discussione la coesione sociale”. A pagarne gli effetti infatti saranno “in particolare i giovani di tutto il mondo, perché si trovano ad affrontare una crisi globale, che li potrebbe escludere dalle opportunità del prossimo decennio”.

In miliardi rischiano di perdere il balzo in avanti del digitale, poiché le crescenti disparità mettono a dura prova il tessuto sociale. A medio termine, l’economia globale sarà minacciata dagli effetti a catena della crisi dovuta al coronavirus, mentre la stabilità geopolitica sarà estremamente fragile nei prossimi 5-10 anni. I rischi ambientali continuano ad essere una minaccia: rimangono i rischi principali per probabilità e impatto nel sondaggio di quest’anno. Il Global Risks Report 2021 è la 16a edizione dell’analisi annuale del Forum e ripercorre un anno devastato da una pandemia globale, recessione economica, disordini politici e crisi climatica in continuo peggioramento. Il rapporto esplora come i paesi e le imprese possono agire di fronte a questi rischi. Non sorprende che uno dei grandi cambiamenti tra quest’anno e lo scorso, in termini di rischi, sia stato determinato dalla pandemia di coronavirus COVID-19. Il rischio rappresentato dalle malattie infettive è ora al primo posto, mentre nel 2020 si è classificato al 10 ° posto.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi