9 Febbraio 2021 – “Il modesto calo registrato dalla produzione industriale nel mese di dicembre era un in gran parte atteso. Il 2020 si chiude così a -11%, un risultato molto negativo, ma ben distante dal -18,7% del 2009. Dopo la forte riduzione dell’attività registrata in primavera e il successivo parziale recupero – commenta l’Ufficio Studi di Confcommercio – l’industria italiana sembra essersi avviata lungo un sentiero di lenta ripresa, priva di accelerazioni significative e comunque frenata dalla ridotta domanda interna ed estera di beni di consumo. Si conferma pertanto la dicotomia tra agricoltura, industria e costruzioni che hanno contenuto i danni e il comparto del terziario di mercato per il quale l’uscita dalla più profonda crisi di sempre non è ancora chiaramente in vista”.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi