29 marzo 2021 – Un italiano che voglia andare in vacanza all’estero, ovviamente in un Paese che consenta l’ingresso ai turisti, può farlo. Ma se la stessa persona avesse intenzione di fare un viaggio meno esotico, non può. È il paradosso previsto da una disposizione del Dpcm 2 marzo 2021, in vigore fino al 6 aprile, e che Federalberghi denuncia con forza. “Gli alberghi e tutto il sistema dell’ospitalità italiana sono fermi da mesi a causa del divieto di spostarsi da una regione all’altra. Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia”, dice il presidente Bernabò Bocca. Per superare questa “bizzarria” gli albergatori propongono di aprire i viaggi in Italia alle persone vaccinate o con tampone “effettuato non oltre le quarantotto ore precedenti il viaggio o con il risultato di un test sierologico che dimostri che si è guariti dalla malattia”.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi