22 Aprile 2021 –  Dopo un calo di fatturato stimato pari al 12,2% nel 2020, per il 2021 atteso un forte rimbalzo dei livelli produttivi (+11,8%). Le filiere di prossimità rimangono un fattore competitivo nei distretti: i fornitori sono molto più vicini ai committenti di quanto avviene altrove (mediamente 116 km vs 157). Nei distretti i grandi gruppi trovano i fornitori di qualità necessari: le imprese distrettuali rappresentano il 65% di addetti e fatturato della filiera del lusso Made in Italy. In crescita l’incidenza di ICT e R&S sul totale degli acquisti di beni e servizi grazie al traino della meccanica (7,1% nei distretti vs 5,7% delle aree non distrettuali, il 25% in più). Si rafforza la sensibilità alla transizione ecologica: quota di brevetti ambientali più che raddoppiata rispetto ai primi anni duemila. Capitale umano: crescente ruolo degli Istituti Tecnici Superiori nel fornire personale qualificato, ma la strada è ancora lunga. Attivati 1.631 percorsi ITS che hanno coinvolto 41mila studenti.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi