22 luglio 2021

Alla fine del primo trimestre del 2021, ancora fortemente influenzato dalle misure politiche per mitigare l’impatto economico e sociale della pandemia di coronavirus e dalle misure di ripresa, che hanno continuato a concretizzarsi in un aumento del fabbisogno finanziario, il rapporto debito pubblico/PIL nell’area dell’euro ha superato per la prima volta il 100% – il rapporto si attesta al 100,5%, rispetto al 97,8% alla fine del quarto trimestre del 2020.

Nell’UE, il rapporto è passato dal 90,5% al ​​92,9%. Rispetto al primo trimestre del 2020, il rapporto debito pubblico/PIL è aumentato sia nell’area dell’euro (dall’86,1% al 100,5%) che nell’UE (dal 79,2% al 92,9%).

Alla fine del primo trimestre del 2021, i titoli di debito rappresentavano l’82,6% dell’area dell’euro e l’82,2% del debito delle amministrazioni pubbliche dell’UE. I prestiti hanno rappresentato rispettivamente il 14,2% e il 14,7% e la valuta ei depositi hanno rappresentato il 3,2% dell’area dell’euro e il 3,1% del debito pubblico dell’UE. A causa del coinvolgimento dei governi degli Stati membri dell’UE nell’assistenza finanziaria ad alcuni Stati membri, vengono pubblicati anche dati trimestrali sui prestiti intergovernativi (IGL). La quota di IGL in percentuale del PIL alla fine del primo trimestre del 2021 rappresentava il 2,0% nell’area dell’euro e l’1,7% nell’UE.

(Foto di Geralt su Pixabay)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi