17 settembre 2021

Anche a luglio e agosto prosegue il recupero dei consumi ma l’evoluzione della pandemia, il caro bolletta energetica e l’inflazione rischiano di bloccare la ripartenza.

La “fotografia” della Congiuntura Confcommercio di settembre (documento pdf) evidenzia uno scenario abbastanza simile a quello che emergeva nei dati della precedente Congiuntura: l’evoluzione della pandemia continua ad essere un fattore decisivo per lo sviluppo della situazione economica.

Oltre a questo aspetto, c’è un altro dato che preoccupa così come sottolinea il direttore dell’Ufficio Studi Confcommercio, Mariano Bella: “Seppure nelle nostre stime il terzo trimestre si chiuderebbe con una variazione del 2,2% su base mensile, rendendo più probabile lo scavalcamento dell’asticella al 6% per la crescita del PIL nel 2021, le preoccupazioni riguardano la possibilità che nel 2022 un tasso d’inflazione attorno al 3%limiti la crescita dell’attività a partire da un rallentamento dei consumi“. (testo integrale)

 

(immagine elaborazione grafica F Ascani Format Research)