28 settembre 2021

Dall’intervento di Christine Lagarde al Forum BCE sulle banche centrali.

L’economia è tornata dal baratro

L’economia è tornata dal baratro, ma non  ne è del tutto fuori dai guai. Dopo una recessione molto insolita, l’area dell’euro sta attraversando una ripresa altamente atipica.

Questa ripresa inusuale sta portando a una rapida crescita, ma anche alla presentarsi di strozzature che si manifestano insolitamente all’inizio del ciclo economico. Si sta anche realizzando un rapido rimbalzo dell’inflazione. La ripresa sta poi aiutando ad accelerare le tendenze preesistenti e i nuovi cambiamenti strutturali provocati dalla pandemia, che potrebbero avere implicazioni per le future dinamiche inflazionistiche.

Ma oggi è importante fare un passo indietro. Per capire come dovrebbe operare la politica monetaria in questo contesto, dobbiamo riconoscere da dove veniamo e dove le tendenze attuali suggeriscono che stiamo andando. Come ha scritto John Maynard Keynes, i politici devono sempre “studiare il presente alla luce del passato per gli scopi del futuro”.

Veniamo da un decennio di forti forze disinflazionistiche che hanno depresso l’intero processo inflazionistico. E mentre la robusta ripresa sta sostenendo le tendenze inflazionistiche sottostanti, ciò che stiamo vedendo ora è principalmente una fase di inflazione temporanea legata alla riapertura. I cambiamenti strutturali potrebbero creare pressioni sia al rialzo che al ribasso sui prezzi.

Quindi, abbiamo ancora bisogno di una politica monetaria accomodante per uscire in sicurezza dalla pandemia e riportare l’inflazione in modo sostenibile al 2%.

I Paesi dell’area euro “torneranno ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2021”.

La pandemia ha causato una recessione senza eguali e una ripresa che ha pochi paralleli nella storia. La risposta all’inflazione riflette le circostanze eccezionali in cui ci troviamo. Ci aspettiamo che questi effetti alla fine passeranno.
Ma la pandemia ha introdotto anche nuove tendenze che potrebbero influenzare la dinamica dell’inflazione negli anni a venire. Tali tendenze potrebbero produrre pressioni sui prezzi sia al rialzo che al ribasso. Pertanto, la politica monetaria deve rimanere focalizzata sul guidare l’economia fuori dall’emergenza pandemica e portare l’inflazione in modo sostenibile verso il nostro obiettivo del 2%.

(ECB – Foto di Cmophot.net su Unplash )

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi