La variante Omicron

La settimana scorsa si è conclusa con un “venerdì nero” per i mercati azionari, influenzati dalle notizie sulla variante Omicron, individuata in Sudafrica, classificata come “preoccupante dall’Oms, e già comparsa in Italia. Ciò a cui si deve mirare è superare la pandemia e giungere ad un “post-covid” che permetta una ripartenza reale e definitiva.

Banca d’Italia

Ma come ha detto il governatore di Banca d’Italia Visco “Il nuovo incremento dei contagi in Europa e in altri paesi sposta ancora in avanti la prospettiva post-Covid”. Ma “A differenza dello scorso anno, le società del mondo avanzato sono oggi meno vulnerabili grazie alle massicce campagne di vaccinazione”. E ciò che occorre ora è “proseguire con decisione nei programmi di immunizzazione ed estenderli alle aree che ne hanno beneficiato meno; il definitivo superamento della pandemia può avvenire soltanto a livello globale”.

I prezzi alla produzione dell’industria

Ad ottobre riporta Istat, i prezzi alla produzione dell’industria aumentano del 7,1% su base mensile spinti dai rialzi dei prezzi dei prodotti energetici, particolarmente marcati sul mercato interno, dove si rilevano aumenti eccezionali per energia elettrica e gas. E le tensioni sui prezzi si fanno sentire a livello planetario: negli Stati Uniti il tasso di inflazione ha toccato il 6,2%, il 6% in Germania e il 5,6% in Spagna.

Inflazione

La presidente della BCE, Christine Lagarde, nelle più recenti interviste, su Rai 3 da Fabio Fazio e qualche giorno prima al Frankfurter Allgemeine, ha ribadito che l’inflazione, è comunque un fenomeno monitorato costantemente, tenuto sotto controllo e passeggero legato alla situazione contingente, dicendosi convinta “che questo aumento dell’inflazione non durerà. Scomparirà l’anno prossimo. Prevediamo che i tassi di inflazione inizieranno a scendere già da gennaio”.

La stima di Confindustria

La recrudescenza dei contagi e la scarsità di nuovi materiali sono stati un freno, ma nonostante questo, secondo le stime di Confindustria, il 2021 potrebbe chiudersi con un Pil al 6,3/6,4%, più di quanto previsto in ottobre. L’industria pur rallentando è in crescita, i servizi restano in recupero pur con qualche ombra, gli occupati sono in risalita.

Il Market Watch PMI

La crescita va di pari passo con la tecnologia e i nuovi scenari  produttivi e spingono le PMI alla ricerca di risorse umane in grado di gestire la trasformazione sia dal punto di vista tecnico-operativo sia sul fronte delle soft skill trasversali. Il Market Watch PMI, realizzato dall’Ufficio Studi di Banca Ifis in collaborazione con Format Research mostra che nel biennio 2019-2021 l’83% delle piccole e medie imprese ha avuto bisogno di personale dotato di nuove capacità. Ma sul  fronte delle competenze tecnico-digitali emerge, però, un mismatch tra domanda e offerta.

Asseprim Focus

Nei dati forniti dell’Asseprim Focus – Osservatorio economico dei servizi professionali all’impresa, realizzato da Asseprim con Format Research, si osserva che il 71% delle imprese ha intenzione di investire in digitale nell’arco del 2021 (investimento medio: 5,3% del totale fatturato). È anche interessante l’attenzione posta dalle imprese verso quegli asset intangili, marchi, brevetti, valorizzazione delle risorse umane, la reputazione aziendale, che hanno importanza nella crescita delle aziende.

Ascom Confcommercio Parma

A Parma torna a crescere la fiducia delle imprese del commercio, del turismo e dei servizi. L’andamento dei ricavi è in forte miglioramento: il dato provinciale è superiore al dato medio nazionale. Gli indicatori, tuttavia sebbene in crescita, sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia. È uno dei dati che emerge dalla ricerca sulle imprese del terziario della provincia di Parma, realizzata da Ascom Confcommercio Parma in collaborazione con Format Research.

Ascom Confcommercio Bergamo

Le imprese del terziario di Bergamo tornano a mostrare livelli di fiducia più elevati nel secondo semestre del 2021 e nonostante un’ulteriore prospettiva di miglioramento nei confronti dell’andamento economico della propria impresa in vista della fine dell’anno, gli indicatori sono ancora molto lontani dai livelli pre-covid. Il clima di fiducia registrato deve infatti fare i conti con un atteggiamento prudenziale dovuto alla possibile recrudescenza della pandemia e che a Bergamo frena gli entusiasmi rispetto al sentiment nazionale, soprattutto nel turismo, settore ancora in apnea rispetto a commercio e servizi che stanno tornando a vedere la luce in fondo al tunnel. A fornire il quadro sull’evoluzione degli indici economici del terziario bergamasco sono i risultati della ricerca “Clima di fiducia e congiuntura economica delle imprese del terziario Bergamo” realizzata da Format Research per conto di Ascom Confcommercio Bergamo.

Confcommercio-Imprese per l’Italia

Una scossa ai consumi si sta vedendo in questi giorni. Un italiano su due, il 53,1%, acquisterà i regali di Natale approfittando delle campagne scontistiche del Black Friday e del Cyber Monday. Sono 27 milioni gli italiani che stanno facendo acquisti, con una crescita dell’8% rispetto allo scorso anno. Questi sono alcuni dei risultati dell’indagine realizzata da Confcommercio-Imprese per l’Italia in collaborazione con Format Research sulle intenzioni di acquisto degli italiani in occasione del Black Friday.

Segnaliamo per il primo dicembre l’evento di Pianeta 2021che sarà trasmesso dal sito del Corriere della Sera, “Dimmi come ti sposti e ti dirò come si vive nella tua città e come si può vivere anche meglio”. L’evento, di cui Banca Ifis è partner, si pone l’obiettivo di parlare di mobilità sostenibile, di quale sia l’efficacia per le città, delle ricadute sul business e il mondo delle imprese e della pratica del ciclismo. Durante questa occasione, Ernesto Fürstenberg Fassio, Vicepresidente di Banca Ifis, interverrà per presentare la ricerca di Banca Ifis sulla mobilità realizzata con il contributo di Format Research.

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi