9 dicembre 2021

Le aziende possono accedere alle risorse informatiche ospitate da terze parti su Internet invece di costruire la propria infrastruttura IT. Questo pool di risorse è più comunemente noto come “cloud computing”. Poiché i servizi cloud vengono forniti online, le aziende devono disporre dell’accesso a Internet per poterli utilizzare. Nel 2021, il 98% delle imprese dell’UE con 10 o più dipendenti aveva questo accesso.

Nel 2021, il 42% delle imprese dell’UE ha utilizzato il cloud computing. Si tratta di un aumento di 6 punti percentuali (pp) dal 2020 (36%) e più del doppio della quota nel 2016 (19%).

Queste informazioni provengono dai dati sull’utilizzo delle TIC e sull’e-commerce nelle imprese pubblicati oggi. Questo articolo presenta una manciata di risultati dall’articolo più dettagliato sulle statistiche spiegate.

Il cloud computing più utilizzato negli Stati membri nordici

Sebbene la quota di imprese con accesso a Internet fosse a livelli molto simili negli Stati membri dell’UE, l’uso del cloud computing variava in modo significativo, con le quote più elevate riportate in Svezia e Finlandia (entrambe 75%), Paesi Bassi e Danimarca (entrambe 65 %) nel 2021.

All’estremo opposto della scala, i servizi di cloud computing sono stati utilizzati da meno di un’impresa su cinque in Bulgaria (13%) e Romania (14%).

Testo integrale  sito Eurostat (ING)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi