14 febbraio 2022

Una ripresa robusta che si sta indebolendo

La ripresa dell’economia italiana è stata robusta ma si sta indebolendo. Secondo le stime preliminari dell’Istat, nel 2021 il PIL è aumentato del 6,5% rispetto al 2020.

In particolare, nel terzo trimestre del 2021 il PIL è aumentato del 2,6% sul periodo precedente, in linea a quanto registrato nel secondo trimestre.

La crescita è stata spinta dai consumi delle famiglie e, in misura minore, dagli investimenti. Il contributo del commercio estero è stato leggermente positivo a seguito di una significativa ripresa delle esportazioni e di un rallentamento delle importazioni.

Nel quarto trimestre del 2021 il PIL ha registrato una significativa decelerazione, aumentando dello 0,6% rispetto al periodo precedente.

L’attività economica è stata frenata dalla ripresa dei contagi e dai problemi di approvvigionamento relativi ad alcune materie prime e semilavorati.

Le osservazioni registrate in tempo reale sui mercati (i cd. dati ad alta frequenza) segnalano che il rallentamento dell’attività economica potrebbe proseguire e acuirsi nella prima parte dell’anno incorso. …

Assicurare le condizioni per il consolidamento della ripresa

E’ necessario agire per assicurare le condizioni per il consolidamento della ripresa e cogliere le occasioni di crescita e sviluppo offerte dai programmi europei adottati in risposta alla pandemia e in particolare dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Al riguardo, in uno scenario in cui le incertezze sui futuri sviluppi della pandemia restano elevate e a cui si associano forti aumenti del costo delle materie prime, occorre che le politiche economiche continuino ad essere coerenti con l’obiettivo di sostenere le imprese.

Tutto ciò condiziona non solo le prospettive economiche e la qualità del credito ma anche il previsto processo di riduzione delle misure di sostegno alle condizioni finanziarie delle imprese.

Il loro ritiro in un momento in cui sono ancora necessarie, infatti, avrebbe effetti negativi significativi, soprattutto per le imprese operanti nei settori più penalizzati dalla pandemia.

È quindi essenziale procedere con adeguata gradualità garantendo, nel momento in cui ci saranno le condizioni per una rimodulazione delle misure di sostegno, un equilibrato ed efficace passaggio dalle misure emergenziali a misure volte a sostenere la ripresa, anche agendo sugli strumenti utili ad agevolare la ristrutturazione dei debiti.

Su questo tornerò anche in seguito. …

(PalazzoMadama FacciataTricolore_Foto Senato.it )

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi