25 aprile 2022

Dall’articolo a cura di Niccolò Battistini, Virginia Di Nino, Maarten Dossche e Aleksandra Kolndrekaj

 Il recente aumento dei prezzi dell’energia solleva la questione della misura in cui le famiglie ridurranno i propri consumi in risposta.

Con l’economia globale in procinto di riprendersi dalla pandemia di coronavirus (COVID-19), i prezzi di molte materie prime, inclusi petrolio e gas, sono aumentati vertiginosamente nell’ultimo anno circa. Poiché la domanda di energia è anelastica nel breve periodo, questi forti aumenti di prezzo implicano un calo significativo del potere d’acquisto delle famiglie, che dovrà essere assorbito attraverso (i) un consumo ridotto di beni e servizi non energetici, (ii) una riduzione risparmio o (iii) un aumento di reddito. Questo articolo valuta in che misura questi tre margini svolgono un ruolo nella trasmissione dei prezzi dell’energia più elevati al consumo aggregato. Inoltre, analizza l’impatto distributivo dell’aumento dei prezzi dell’energia, poiché l’effetto sulle singole famiglie tende a variare notevolmente. Poiché l’impatto distributivo di tali aumenti dei prezzi può essere molto significativo, ciò può giustificare una risposta politica separata indipendentemente dalle implicazioni macroeconomiche di tali sviluppi.

L’aumento dei prezzi dell’energia va visto nel contesto di un’eccezionale ripresa economica, ma anche altri fattori giocano un ruolo. Mentre l’impatto che i prezzi dell’energia hanno sui consumi è stato studiato in precedenza, la ripresa dopo la crisi del COVID-19 è atipica da una prospettiva storica. Finora, è stato caratterizzato da un’impennata della domanda globale di beni di consumo durevoli e non durevoli, che ha portato a colli di bottiglia senza precedenti nella produzione e nel commercio, con le famiglie che hanno accumulato livelli record di risparmi nel corso della pandemia.

Inoltre, la fornitura di energia è stata ostacolata da un ritardo nella produzione di petrolio, nonché da tensioni geopolitiche, in particolare dalla recente invasione russa dell’Ucraina, e da interruzioni tecniche che hanno interessato la fornitura di gas naturale ai paesi europei.

È importante tenere conto di questi fattori di confusione al fine di comprendere l’impatto aggregato che l’aumento dei prezzi dell’energia avrà sul consumo privato e formulare una risposta politica adeguata.

Il recente aumento dei prezzi dell’energia è un chiaro vento contrario per la ripresa dei consumi. Nelle prime fasi della pandemia, a causa del deterioramento delle prospettive finanziarie, le famiglie hanno ridimensionato i propri piani di consumo, principalmente in risposta a shock di contrazione dei costi e, subito dopo, a una serie di shock negativi di richiamo della domanda. Dall’inizio del 2021, gli shock positivi della domanda hanno portato a una ripresa delle condizioni finanziarie, dei consumi e dei risparmi attesi dalle famiglie. Tuttavia, l’aumento dei prezzi delle materie prime osservato dall’estate del 2021 è stato sempre più considerato come un soffocamento della situazione finanziaria attesa delle famiglie, pesando così sui loro piani di spesa.

L’aumento dei prezzi dell’energia ha implicazioni distributive significative, che richiedono misure di politica fiscale mirate. L’impatto che i prezzi dell’energia hanno sul reddito e sulla spesa delle famiglie dipende principalmente dal livello di esposizione della famiglia. Le famiglie a basso reddito con alti livelli di esposizione tendono a subire notevoli difficoltà finanziarie quando la spesa energetica aumenta in modo imprevisto e rispondono a tali shock riducendo i risparmi o ritardando i pagamenti. Di conseguenza, è più probabile che tali famiglie ritengano che sia necessario che i governi mitighino l’impatto negativo dell’aumento dei prezzi dell’energia.

 

(Energia – foto F Ascani Format Research)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi