1 luglio 2022

Speech di Fabio Panetta, Membro del Comitato Esecutivo della BCE, all’Innovation Day del Parlamento Europeo “L’UE nel mondo creata dalla guerra in Ucraina”

La guerra alle nostre porte ci ricorda ciò che dobbiamo all’integrazione europea: tre quarti di secolo di pace, libertà e prosperità all’interno della nostra Unione, di apertura e di legami più stretti tra le nostre economie.

Il sondaggio Eurobarometro della primavera 2022 commissionato dal Parlamento europeo suggerisce che l’aggressione della Russia contro l’Ucraina ha rafforzato il sostegno pubblico all’UE.

Due europei su tre considerano l’adesione all’UE una cosa positiva, il risultato più alto dal 2007.

Ora dobbiamo proteggere i risultati dell’integrazione europea e basarci su di essi per difendere i nostri interessi comuni, rafforzando la nostra Unione e le nostre economie di fronte alle sfide geopolitiche e geoeconomiche.

Questo è lo spirito e la lettera della Dichiarazione di Versailles. Abbiamo la responsabilità collettiva di dargli vita.

Decisioni coraggiose

Nel marzo 2020 il Consiglio direttivo della BCE, sotto la guida del presidente Lagarde, ha preso decisioni coraggiose per proteggere l’economia europea dalle conseguenze potenzialmente dirompenti dello shock pandemico.

Sono fiducioso che agiremo con lo stesso coraggio e determinazione per preservare la stabilità dei prezzi salvaguardando nel contempo l’unità europea nelle difficili circostanze che stiamo affrontando oggi.

Le politiche fiscali ed economiche dovranno fare la loro parte sia a livello europeo che nazionale per realizzare la necessaria trasformazione delle nostre economie e affrontare le preoccupazioni relative alla competitività e alla sostenibilità a lungo termine.

La protezione della nostra sicurezza militare, energetica ed economica collettiva richiede finanziamenti sostanziali.

Ma richiede innanzitutto un investimento politico in una risposta comune a shock comuni.

La reazione alla pandemia mostra che la nostra Unione è in grado di fornire una tale risposta.

Vorrei concludere sottolineando l’importanza del vostro lavoro al Parlamento europeo. Questo Parlamento è la voce del popolo europeo. Ci tiene alle nostre responsabilità europee. E, nelle recenti crisi, è stata per molti versi la coscienza dell’Europa, incrollabile nel chiedere risposte ambiziose alle molteplici sfide che dobbiamo affrontare.

 

(Parlamento Europeo foto di Guillaume Périgois su Unsplash)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi