Una nuova maggioranza in Parlamento

Le elezioni politiche italiane hanno sancito la vittoria della coalizione di Centrodestra con oltre il 43% e in particolare l’affermazione del partito Fratelli d’Italia, di Giorgia Meloni, primo con il 26%. La formazione, che avrà il compito di governare il Paese, probabilmente guidata dalla leader FdI, potrà farlo forte della maggioranza assoluta dei seggi in entrambi i rami del Parlamento, ma dovrà agire in un momento storico molto complesso, sia per le difficili relazioni politiche internazionali, sia per le difficoltà economiche, prima di tutte l’inflazione e l’esasperazione dei costi energetici, che stanno costringendo gli italiani a ridurre acquisti e spese.

Allarme delle Imprese

E proprio il caro bollette, ammonisce in un’intervista al Corriere della Sera il Presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, potrebbe mettere a rischio 12 mila PMI (vedi QUI). Un allarme simile era stato lanciato qualche giorno fa da Assipan Confcommercio secondo la quale, l’aumento esponenziale delle utenze del gas e dell’energia elettrica pongono a serio rischio la tenuta delle imprese della panificazione. Secondo i dati elaborati per Assipan da Format Research, sono 1350 le imprese che potrebbero chiudere con una perdita di circa 5300 occupati.

Lavoro

Secondo la Nota trimestrale congiunta sulle tendenze dell’occupazione relativa secondo trimestre 2022 a cura di Istat, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, l’Inps, l’Inail e l’Anpal, pubblicata, sui rispettivi siti web, nel secondo trimestre 2022 l’input di lavoro, misurato in Ula (Unità di lavoro equivalenti a tempo pieno), è aumentato in termini congiunturali (+1,2% rispetto al primo trimestre 2022) e su base annua (+4,9% rispetto al secondo trimestre 2021). Tuttavia secondo la successiva nota redatta congiuntamente dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali (MLPS), dalla Banca d’Italia e dall’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL), nel periodo estivo la dinamica dell’occupazione dipendente ha marcatamente rallentato: tra luglio e agosto sono stati registrati quasi 35.000 nuovi posti di lavoro, meno della metà degli oltre 80.000 del bimestre precedente (100.000 nel periodo marzo-aprile).

Istat – Conti Economici Nazionali

L’Istat ha diffuso in settimana la nota sui Conti Economici Nazionali relativa all’anno 2021, confermando il forte recupero dell’economia, con un tasso di crescita del Pil del 6,7% (con una revisione al rialzo di 0,1 punti percentuali rispetto alla stima di aprile 2022), a fronte di un calo del 9,0% nel 2020. Dal lato della domanda, a trainare la crescita del Pil è stata soprattutto la domanda interna, mentre la domanda estera e la variazione delle scorte hanno fornito contributi molto più limitati. Dal lato dell’offerta di beni e servizi, si confermano la contrazione in agricoltura e gli aumenti consistenti del valore aggiunto nelle attività industriali e nella maggior parte dei comparti del terziario.

Rapporto mensile di ABI

Nel consueto rapporto mensile di ABI leggiamo che ad agosto 2022, i prestiti a imprese e famiglie sono aumentati del 4,1% rispetto a un anno fa. Tale evidenza emerge dalle stime basate sui dati pubblicati dalla Banca d’Italia. Nello stesso mese i tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento permangono su livelli bassi.

Il Marketwatch PMI di Banca Ifis

In occasione della recente tappa degli Innovation Days, il viaggio tra le regioni del Sole 24 Ore e Confindustria su PNRR, digital ed economia sostenibile, è stato presentato il Marketwatch PMI di Banca Ifis dal titolo Veneto, la tecnologia a supporto della transizione green, realizzato anche su dati Format Research, che analizza il tessuto produttivo, le eccellenze, l’impatto delle tensioni geopolitiche, la trasformazione digitale, le questioni ambientali e il fattore PNRR per le imprese della regione.

Osservatorio 2022 sul mercato italiano dello strumento musicale

Nell’ambito di CremonaMusica International Exhibitions and Festival – la più importante fiera internazionale dello strumento musicale d’alta gamma – è stato presentato l’Osservatorio 2022 sul mercato italiano dello strumento musicale promosso da Dismamusica, l’Associazione che rappresenta il settore in Italia, realizzato in collaborazione con Format Research. Secondo le stime, il valore complessivo delle vendite di strumenti musicali nel 2021 si attesta a 408 milioni di euro. Il mercato italiano dello strumento musicale è in ripresa, + 5%, dopo l’anno della crisi sanitaria ma adesso si attende di valutare l’impatto delle crisi bellica ed energetica.

(Palazzo Chigi Foto F Ascani Formatt Research)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi