WEF 12 gennaio 2023

Una nuova serie di crisi

I primi anni di questo decennio hanno preannunciato un periodo particolarmente dirompente nella storia umana. Il ritorno a una “nuova normalità” in seguito alla pandemia di COVID-19 è stato rapidamente interrotto dallo scoppio della guerra in Ucraina, inaugurando una nuova serie di crisi nel settore alimentare ed energetico, innescando problemi che decenni di progressi avevano cercato di risolvere.

All’inizio del 2023, il mondo sta affrontando una serie di rischi che sembrano completamente nuovi e stranamente familiari. Abbiamo assistito al ritorno di rischi “vecchi” – inflazione, crisi del costo della vita, guerre commerciali, deflussi di capitali dai mercati emergenti, diffusi disordini sociali, confronti geopolitici e lo spettro della guerra nucleare – che pochi dei leader aziendali di questa generazione e hanno sperimentato i responsabili delle politiche pubbliche.

Questi vengono amplificati da sviluppi relativamente nuovi nel panorama dei rischi globali, tra cui livelli insostenibili di debito, una nuova era di bassa crescita, bassi investimenti globali e deglobalizzazione, un declino dello sviluppo umano dopo decenni di progressi, sviluppo rapido e senza limiti di tecnologie a duplice uso (civile e militare) e la crescente pressione degli impatti e delle ambizioni del cambiamento climatico in una finestra sempre più ridotta per la transizione verso un mondo a 1,5°C. Insieme, questi stanno convergendo per dare forma a un decennio unico, incerto e turbolento a venire.

Il Global Risks Report 2023 presenta i risultati dell’ultima Global Risks Perception Survey (GRPS).

Utilizziamo tre intervalli di tempo per comprendere i rischi globali. Il capitolo 1 considera l’impatto crescente delle crisi attuali (vale a dire i rischi globali che si stanno già manifestando) sui rischi globali più gravi che molti prevedono di manifestarsi a breve termine (due anni).

Il capitolo 2 considera una selezione di rischi che potrebbero essere più gravi a lungo termine (10 anni), esplorando i rischi economici, ambientali, sociali, geopolitici e tecnologici emergenti o in rapida accelerazione che potrebbero diventare le crisi di domani.

Il capitolo 3 immagina futuri a medio termine, esplorando come le connessioni tra i rischi emergenti delineati nelle sezioni precedenti possano evolvere collettivamente in una “policrisi” incentrata sulla carenza di risorse naturali entro il 2030.

Il rapporto conclude considerando le percezioni dello stato comparativo di preparazione a questi rischi e mettendo in evidenza i fattori abilitanti per tracciare un percorso verso un mondo più resiliente. Di seguito sono riportati i principali risultati del rapporto.

Il costo della vita dominerà i rischi globali nei prossimi due anni, mentre il fallimento dell’azione per il clima dominerà il prossimo decennio

Il prossimo decennio sarà caratterizzato da crisi ambientali e sociali, guidate da tendenze geopolitiche ed economiche sottostanti. La “crisi del costo della vita” è classificata come il rischio globale più grave nei prossimi due anni, con un picco a breve termine.

Perdita di biodiversità e il collasso dell’ecosistema

La “perdita di biodiversità e il collasso dell’ecosistema” è considerata uno dei rischi globali in più rapido deterioramento nel prossimo decennio e tutti e sei i rischi ambientali figurano tra i primi 10 rischi nei prossimi 10 anni.

Nove rischi sono presenti nelle prime 10 classifiche sia a breve che a lungo termine, tra cui “Confronto geoeconomico” ed “Erosione della coesione sociale e polarizzazione della società”, insieme a due nuovi entranti nelle classifiche principali: “Criminalità informatica diffusa e insicurezza informatica” e “Migrazione involontaria su vasta scala”

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi