WEF 20 settembre 2023

Intelligenza artificiale e i lavori del futuro

In che modo i modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM), algoritmi di deep learning in grado di riconoscere, riassumere, tradurre, prevedere e generare contenuti utilizzando set di dati molto grandi, influenzeranno i lavori attuali e futuri? Questo è il focus del nuovo Libro Bianco del World Economic Forum Jobs of Tomorrow: Large Language Models and Jobs.

Un vantaggio per i lavori che richiedono pensiero critico

Il Libro bianco rileva che gli LLM potrebbero essere un vantaggio per i lavori che richiedono pensiero critico, capacità di risoluzione di problemi complessi e creatività, compresi quelli in ingegneria, matematica e analisi scientifica. Questi strumenti potrebbero avvantaggiare i lavoratori aumentando la produttività delle attività di routine e rendendo i loro ruoli più gratificanti e focalizzati su un valore aggiunto più elevato. Questo documento adotta un approccio strutturato per comprendere l’impatto diretto dei LLM su lavori specifici.

Un impatto significativo sui mercati del lavoro

“L’intelligenza artificiale generativa è destinata ad avere un impatto significativo sui mercati del lavoro, ma questo impatto sarà molto diverso a seconda dei diversi ruoli”, ha affermato Saadia Zahidi, amministratore delegato del World Economic Forum. “I leader aziendali, i politici e i dipendenti devono collaborare per sfruttare il potenziale dei nuovi posti di lavoro, gestendo al tempo stesso gli spostamenti e garantendo un futuro di lavoro che dia potere ed esalti le persone”.

Secondo l’analisi, che ha esaminato più di 19.000 mansioni distinte in 867 diverse occupazioni che potrebbero essere interessate dai LLM, i settori con le stime più elevate di esposizione potenziale complessiva  sono i servizi finanziari e i mercati dei capitali, insieme alle assicurazioni e gestione delle pensioni.

Creazione di nuovi ruoli

Con l’avanzare dei LLM, verranno creati anche nuovi ruoli, tra cui sviluppatori di intelligenza artificiale, progettisti di interfacce e interazioni, creatori di contenuti di intelligenza artificiale, curatori di dati e specialisti in etica e governance dell’intelligenza artificiale.

I lavori più a rischio di automazione – con fino a quattro quinti delle attività automatizzate – sono quelli che coinvolgono compiti linguistici di routine e ripetitivi, compresi ruoli come autorizzatori di crediti, controllori e impiegati.
Le occupazioni che si prevede rimarranno relativamente inalterate includono istruzione, orientamento, consulenti del lavoro e consulenti in genere, con l’84% dei loro compiti a bassa esposizione al cambiamento.

Questi nuovi dati sull’impatto dei LLM integrano e rafforzano i risultati del Future of Jobs Report 2023 del Forum, che ha rilevato che si prevede che fino a un quarto dei posti di lavoro cambieranno nei prossimi cinque anni a causa dell’impatto combinato della tecnologia, della transizione verde e le prospettive geoeconomiche.

Il documento sostiene che le imprese e i governi devono adottare misure proattive per prepararsi agli effetti dei LLM sulla forza lavoro, anche migliorando la previsione, creando una forza lavoro adattabile, implementando sistemi che facilitino le transizioni lavorative e incoraggiando l’apprendimento permanente.

 

Documenti Allegati

Testo int. (ING) Pdf

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi