5 ottobre 2023

di Andrea Colabella, Elisa Guglielminetti e Concetta Rondinelli

Con la pandemia aumento significativo del risparmio delle famiglie

La pandemia ha ridotto drasticamente la spesa per consumi delle famiglie italiane, contribuendo al repentino rialzo della loro propensione al risparmio e al conseguente accumulo di ingenti risorse finanziarie.

Il lavoro quantifica l’ammontare e la distribuzione tra le famiglie di queste risorse e, utilizzando i dati dell’indagine della BCE presso i consumatori, formula alcune valutazioni sull’evoluzione prospettica del risparmio e dei consumi.

Si stima che le attività finanziarie addizionali accumulate tra il primo trimestre del 2020 e lo stesso periodo del 2023 ammontino a circa 130 miliardi; oltre il 60 per cento di esse è attribuibile alle famiglie più abbienti, benché il fenomeno abbia caratterizzato anche quelle meno benestanti.

Contributo limitato 

Il contributo diretto dell’utilizzo di queste risorse alla ripresa dei consumi aggregati sarebbe limitato; i nuclei ad alto reddito starebbero fornendo un sostegno maggiore, in particolare per le spese connesse con il tempo libero.

Documenti Allegati

Testo integrale (ING)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi