28 novembre 2023

A cura della Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo

MIGLIORI PERFORMANCE PER LE IMPRESE 4.0

L’analisi della ricerca della Direzione Studi Intesa Sanpaolo evidenzia buone performance economico-finanziarie delle imprese 4.0 che risultano più dinamiche e con un profilo strategico più evoluto

L’analisi delle performance aziendali è stata sviluppata su un campione di 234 imprese che hanno partecipato all’indagine Intesa Sanpaolo-BI-REX sul trasferimento tecnologico condotta nel 2022.

Il campione analizzato comprende realtà che operano in Emilia-Romagna e Marche nei settori della metalmeccanica, elettronica ed elettrotecnica e ICT e servizi alle imprese. Oltre la metà delle imprese del campione (63,2%) addotta almeno una tecnologia 4.0 con una buona diffusione sia per settore, sia per dimensione aziendale.

I risultati evidenziano una maggior dinamicità delle imprese 4.0 che mostrano una crescita del fatturato, tra 2022 e 2019, del 32,5% (valore mediano), superiore a quella delle imprese che non adottano soluzioni 4.0 che si attesta al 16,6%; questa differenza è visibile per tutte le classi dimensionali e in tutti i settori indagati. Questo risultato si spiega con una maggior tenuta nell’anno della pandemia e in una maggiore dinamicità emersa soprattutto nel 2022. Anche in termini di marginalità, si evidenziano risultati migliori per le imprese più evolute tecnologicamente con livelli dell’Ebitda Margin (margine operativo lordo su fatturato) più elevati (nel 2022 10,7% verso 9,8%) e una maggiore tenuta nel periodo in esame.

L’adozione di soluzioni tecnologiche avanzate presenta dei ritorni anche in termini di produttività: tra 2019 e 2022 la crescita del valore aggiunto per addetto delle imprese 4.0 è stata del 21,6% (+13 mila euro per addetto), a fronte di un incremento più contenuto e pari al 7,8% per il resto del campione.

Le imprese hanno mostrato anche un importante rafforzamento patrimoniale

Nel corso di questo quadriennio le imprese hanno mostrato anche un importante rafforzamento patrimoniale con una crescita dell’incidenza del patrimonio sul totale attivo che vede comunque un dato superiore per le imprese 4.0 (33,5% vs 30%); inoltre, è interessante sottolineare che le imprese presentano nel 2022 maggiori disponibilità liquide sull’attivo rispetto al 2019, elemento che può rappresentare una leva per sostenere gli investimenti in un contesto di rallentamento e incertezza.

Anche in riferimento a questa dimensione, sono le imprese 4.0 ad aver incrementato maggiormente questo rapporto e a disporre di capacità di intervento più sostenute (disponibilità liquide su attivo pari a 11,2% verso 8,2%).

Infine, è emerso come le realtà 4.0 siano anche quelle più evolute da un punto di vista di adozione di strategie come la presenza di brevetti, certificazioni e marchi che implementano in modo più diffuso e intenso.

Documenti Allegati

Testo integrale CS

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi