31 dicembre 2024

Statistiche sui pagamenti non in contanti

La Banca Centrale Europea (BCE) ha pubblicato oggi le statistiche sui pagamenti non in contanti per il primo semestre del 2023.

Le statistiche comprendono indicatori sull’accesso e sull’uso dei servizi di pagamento, delle carte di pagamento e dei terminali da parte del pubblico, nonché volumi e valori delle transazioni elaborate attraverso sistemi di pagamento al dettaglio e ad alto valore.

Questo comunicato stampa si concentra sulle evoluzioni nell’area dell’euro nel suo complesso, anche se le statistiche sono pubblicate anche per tutti i paesi dell’area dell’euro e per tutti i paesi non appartenenti all’area dell’euro che comunicano dati. Sono inoltre pubblicati aggregati dell’UE e dell’area dell’euro.

Servizi di pagamento

Nel primo semestre del 2023 il numero totale di transazioni non in contanti nell’area dell’euro è aumentato del 10,1% a 67,0 miliardi rispetto al primo semestre del 2022, mentre il valore totale corrispondente è diminuito del 4,5% a 111,4 trilioni di euro.
I pagamenti con carta rappresentavano il 54% del numero totale di transazioni, mentre i bonifici bancari rappresentavano il 22%, i domiciliati il 15% e i pagamenti con moneta elettronica il 7%.
Il restante 2% comprendeva assegni, trasferimenti di denaro e altri servizi di pagamento.

Pagamenti con carta

Nel primo semestre del 2023 il numero di pagamenti basati su carta all’interno dell’area dell’euro è aumentato del 15,6% a 36,5 miliardi rispetto al primo semestre del 2022.
Il valore totale corrispondente dei pagamenti con carta è aumentato del 14,1% a 1,5 trilioni di euro, riflettendo un valore medio di circa 40 euro per transazione.
La suddivisione tra transazioni remote e non remote nel numero totale di pagamenti con carta era del 17% al 83%, mentre la suddivisione in termini di valore era del 26% al 74%.
Il numero di pagamenti con carta contactless avviati presso un terminale di punto vendita fisico per il trasferimento elettronico di fondi è aumentato del 24,3% a 20,9 miliardi rispetto al primo semestre del 2022, con il relativo valore totale in aumento del 25,9% a 0,5 trilioni di euro.
Di conseguenza, la loro quota nel numero totale di pagamenti con carta non remoti rappresentava il 69%, mentre la quota corrispondente in termini di valore ha raggiunto il 50%.
A livello nazionale, la Lituania ha avuto la quota più alta di pagamenti con carta come percentuale del numero totale di pagamenti non in contanti nel primo semestre del 2023, pari a circa il 78%. …

Documenti Allegati

Testo integrale (ING)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi