1 marzo 2024

Dalle dichiarazioni della direttrice del Fondo Monetario Internazionale, Kristalina Georgieva, pronunciate durante il primo incontro dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali del G20 a São Paulo, Brasile – Outlook globale, rischi e sfide politiche

“Desidero ringraziare il Governo del Brasile per il loro caloroso benvenuto e ospitalità, e il Ministro delle Finanze Fernando Haddad e il Governatore Roberto Campos Neto per il loro eccezionale impegno nel guidarci verso un ambizioso programma del G20 per costruire un futuro più equo, prospero, sostenibile e cooperativo, con un solido sistema monetario internazionale come sua base.

L’economia del Brasile continua a performare bene, e le riforme politiche dovrebbero contribuire ad aumentare le prospettive di crescita e gli standard di vita dei brasiliani. …

Outlook globale, rischi e sfide politiche

“A livello globale, siamo in procinto di un atterraggio morbido, ma l’aereo non è ancora del tutto a terra. La crescita è prevista quest’anno al 3,1 percento rispetto al 2,9 percento dell’ultima volta che ci siamo incontrati.

L’inflazione è in calo più rapidamente di quanto ci aspettassimo.

Nel nostro scenario base, ci aspettiamo che l’inflazione globale si riduca al 5,8 percento quest’anno, e al 4,4 percento il prossimo anno.

E questo miglioramento delle prospettive beneficia anche delle economie in via di sviluppo che sono state isolate dai mercati per un certo periodo – come la Costa d’Avorio, il cui recente emissione di obbligazioni è stata sottoscritta diverse volte, seguita da Benin e altri.

Questo è incoraggiante, eppure dobbiamo essere consapevoli di tre cose.

Innanzitutto, i rischi al ribasso. 

Inflazione

Uno è un’inflazione più persistente a causa di nuovi picchi dei prezzi che potrebbero risultare da shock geopolitici e altre interruzioni dell’offerta – come eventi climatici – o da condizioni finanziarie più allentate, che potrebbero rallentare la normalizzazione della politica monetaria.

Possiamo anche avere un rischio al rialzo, in cui l’inflazione scende ancora più rapidamente del previsto.

E questo, naturalmente, sarebbe ottimo per tutti noi.

Crescita debole

In secondo luogo, non dovremmo essere compiaciuti perché la crescita è ancora debole: il 3 percento anno dopo anno, contro una media del 3,8 percento nel decennio pre-COVID. E ancora peggio, in molti luoghi è a causa di una bassa produttività.

Paesi che stanno andando bene, come gli Stati Uniti e alcuni paesi emergenti, hanno realizzato guadagni di produttività.

Tassi di interesse

E in terzo luogo, dobbiamo essere consapevoli che se i tassi di interesse dovessero rimanere più alti per più tempo, i rischi nel settore finanziario potrebbero aumentare.

Quindi, richiedono un monitoraggio attento. Dobbiamo essere vigili per segni precoci di stress e affrontare sistematicamente le vulnerabilità, specialmente nelle istituzioni finanziarie non bancarie.”

Per i responsabili politici, il 2024 si prospetta essere un anno complicato.

Le banche centrali devono completare il lavoro sull’inflazione calibrando attentamente se tagliare e quanto rapidamente farlo, contro il rischio di essere troppo lenti e influenzare negativamente la crescita.

Le autorità governative devono perseguire la consolidazione fiscale per ricostruire i buffer e prepararsi agli eventuali shock che potrebbero ancora verificarsi.

Consigliamo piani fiscali a medio termine per aiutare gradualmente a realizzare questa consolidazione.

Quando guardiamo in giro per il mondo, i paesi si trovano in posizioni diverse per quanto riguarda la politica monetaria e fiscale, quindi le autorità non possono semplicemente prendere spunto da qualcun altro.

Dobbiamo fare affidamento sui dati nazionali per informare la posizione politica appropriata.

E molti funzionari hanno giustamente parlato in questa riunione di riforme strutturali, che affrontano per ottenere guadagni di produttività, miglioramenti della crescita e miglioramenti degli standard di vita.

Intelligenza Artificiale

Infine, sull’Intelligenza Artificiale (IA), il personale del FMI ha prodotto un indice dei paesi molto interessante sulla preparazione all’IA che può aiutare a informare gli sforzi dei governi nel gestire la transizione digitale.” …

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi