12 marzo 2024

NOTA SULL’ANDAMENTO DELL’ECONOMIA ITALIANA – GENNAIO-FEBBRAIO 2024 Economia penalizzata da elevata incertezza

L’economia globale, a inizio 2024, resta penalizzata da una elevata incertezza sull’evoluzione delle tensioni geo-politiche e si caratterizza per prospettive di crescita moderate.

Incremento Pil superiore alla media dell’area euro

Lo scorso anno, l’Italia ha registrato un incremento annuo del Pil dello 0,9%, in decelerazione rispetto al 2022, ma superiore a quello della media dell’area euro (+0,4%).

Industria, servizi e agricoltura

Nel quarto trimestre del 2023, il valore aggiunto dell’industria in senso stretto ha mostrato una sostanziale stazionarietà. Il settore dei servizi si è stabilizzato, l’agricoltura ha registrato una contenuta flessione, mentre il comparto delle costruzioni ha continuato a crescere in misura rilevante (+4,7%)

Decelerazione degli scambi internazionali

In un contesto di generalizzata decelerazione degli scambi internazionali, sia le esportazioni sia le importazioni italiane in valore, nell’ultima parte del 2023, hanno confermato un ridimensionamento. La domanda estera netta ha comunque fornito un contributo positivo alla crescita del Pil.

Lieve diminuzione dell’occupazione

Dopo sei mesi, a gennaio 2024 l’occupazione è diminuita lievemente (-0,1% sul mese precedente).

La flessione ha coinvolto i soli uomini e gli individui con meno di 35 anni di età, i dipendenti a termine e gli autonomi.

Il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 7,2%.

Prezzi al consumo  al di sotto della media Euro

Da ottobre 2023, la crescita tendenziale dell’indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) in Italia, unico tra i quattro maggiori paesi dell’area dell’euro, è stata inferiore al 2,0%, collocandosi al di sotto della media dell’area euro.

Segnali discordanti dal clima di fiducia

I segnali provenienti dalle indagini sul clima di fiducia sono discordanti. A febbraio 2024, la fiducia è peggiorata per le imprese mentre quella dei consumatori ha continuato a crescere, raggiungendo il livello più elevato da giugno 2023.

La crescita elevala del settore delle costruzioni

Focus: tra i principali paesi europei, negli ultimi anni, l’Italia ha registrato la crescita del settore delle costruzioni più elevata.

Quest’ultimo ha mostrato un maggior dinamismo anche in confronto agli altri comparti dell’economia italiana, fornendo impulsi positivi all’occupazione e agli investimenti.

(ISTAT – FOTO F ASCANI FORMAT RESEARCH)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi