22 marzo 2024

PER LO SVILUPPO INTERNAZIONALE DELLE PMI ILLUSTRATE LE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE DEL PIEMONTE IN ALBANIA, CROAZIA, SERBIA E SLOVENIA

Intesa Sanpaolo ha presentato alle imprese clienti del Piemonte e della Valle d’Aosta le opportunità di sviluppo internazionale in Albania, Croazia, Serbia e Slovenia. Il Gruppo accompagna la crescita su questi mercati con linee di finanziamento, servizi dedicati e team di accoglienza per le PMI italiane.

Le soluzioni sono state illustrate nell’incontro con il coinvolgimento di Intesa Sanpaolo Bank in Albania, Privredna Banka Zagreb in Croazia, Banca Intesa Beograd in Serbia, Intesa Sanpaolo Bank in Slovenia, insieme alle Direzioni Regionali della Banca dei Territori e alla Direzione Agribusiness di Intesa Sanpaolo.
L’appuntamento si è svolto nell’ambito del roadshow dedicato al programma sinergico tra l’International Subsidiary Banks Division (ISBD) e la Divisione Banca dei Territori (BDT) di Intesa Sanpaolo, con l’obiettivo di potenziare ulteriormente le opportunità di business estero delle PMI, in particolare nei 12 paesi in cui le banche commerciali del Gruppo sono presenti, dall’Est Europa al Nord Africa.

Intesa Sanpaolo è infatti banca di riferimento e partner a lungo termine per lo sviluppo internazionale delle imprese. Lo scorso anno il programma è stato attuato con successo nei mercati di Slovacchia (attraverso VUB Banka), Romania (Intesa Sanpaolo Bank) e Ungheria (CIB Bank). In seguito, verrà esteso ad altri mercati del perimetro della Divisione ISBD, dove oltre 2.000 gruppi industriali italiani sono presenti con proprie sussidiarie.

Analisi della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

Secondo l’analisi della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, nel 2022 l’interscambio commerciale del Piemonte con Albania, Croazia, Serbia e Slovenia ha sfiorato gli 1,75 miliardi di euro.

Le esportazioni sono state pari a 897 milioni, mentre le importazioni si sono attestate a 853 milioni, per un saldo commerciale positivo di circa 44 milioni di euro.
Per la Valle d’Aosta l’interscambio commerciale nel 2022 è stato di 7,4 milioni di euro, di cui circa 3,4 di import e 4 di export.

Il Piemonte si colloca al quinto posto in Italia per import da Albania, Croazia, Serbia e Slovenia (preceduto da Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia), con una quota sul totale nazionale del 5,7%.

Circa 320 milioni provengono dalla Slovenia (37,5%), circa 252 dalla Serbia (30%), circa 212 dalla Croazia (25%) e i restanti 69 milioni dall’Albania.

Le importazioni riguardano prevalentemente l’automotive (19,3% del totale, proveniente per circa i 2/3 dalla Serbia), seguita da elettrotecnica (10,1%, proveniente dalla Serbia per il 61%), metallurgia (9,1%, più della metà proveniente dalla Slovenia) e beni dell’agro-alimentare e bevande (8,5%, provenienti per il 70% dalla Croazia).

(Container, internazionale – foto da Pixabay)

Documenti Allegati

Testo integrale

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi