11 aprile 2024

Gli anni 2020: Turbolenti – Tiepidi o Trasformativi?

Scelte Politiche per un’Economia Globale Debole dal Discorso della Direttrice Generale del FMI, Kristalina Georgieva

… Riflettendo sui suoi anni al servizio pubblico, Acheson scrisse in seguito che: “La semplice verità è che la perseveranza nelle buone politiche è l’unico via per il successo…

Abbiamo bisogno di buone politiche

In un mondo di shock più frequenti e di incertezza crescente, abbiamo bisogno più che mai di buone politiche.

Fare le scelte politiche giuste definirà il futuro dell’economia mondiale. Definirà come verrà ricordato questo decennio – passerà alla storia come ‘gli Anni Turbolenti’, un periodo di disturbo e divergenza nelle fortune economiche; ‘gli Anni Tiepidi’, un periodo di crescita lenta e scontento popolare; o ‘gli Anni Trasformativi’, un periodo di rapidi progressi tecnologici a vantaggio dell’umanità?

Permettetemi di iniziare da dove siamo oggi.

Vedrete nel nostro Rapporto sulle Prospettive Economiche Mondiali della prossima settimana che la crescita globale è marginalmente più forte grazie all’attività robusta negli Stati Uniti e in molti paesi emergenti.

Il consumo delle famiglie e gli investimenti delle imprese sostenuti, insieme a un allentamento dei problemi legati alla catena di approvvigionamento, hanno aiutato. E l’inflazione sta scendendo.

Mercati del lavoro forti

La resilienza dell’economia mondiale, principalmente grazie ai solidi fondamentali macroeconomici costruiti negli ultimi anni, è sostenuta da e da una forza lavoro in espansione.

La forza dell’offerta di lavoro è in parte dovuta all’immigrazione, che è stata particolarmente utile nei paesi con popolazioni invecchiate.

Nel complesso, basandoci sui dati, si è tentati di tirare un sospiro di sollievo. Abbiamo evitato una recessione globale e un periodo di stagnazione – come alcuni avevano previsto.

Ma ci sono ancora molte cose di cui preoccuparsi.

L’ambiente globale è diventato più impegnativo. Le tensioni geopolitiche aumentano i rischi di frammentazione dell’economia mondiale. E, come abbiamo imparato negli ultimi anni, operiamo in un mondo in cui dobbiamo aspettarci l’imprevisto.

La realtà deprimente è che l’attività economica globale è debole rispetto agli standard storici. Le prospettive di crescita si sono rallentate dalla crisi finanziaria globale.

L’inflazione non è completamente sconfitta. Le riserve fiscali sono state esaurite. E il debito è aumentato, rappresentando una sfida importante per le finanze pubbliche in molti paesi

Le cicatrici della pandemia sono ancora con noi.

La perdita di produzione globale dal 2020 è di circa 3,3 trilioni di dollari, con costi che ricadono in modo sproporzionato sui paesi più vulnerabili.

E vediamo una crescente divergenza all’interno e tra gruppi di paesi.

Tra le economie avanzate, gli Stati Uniti hanno registrato il più forte rimbalzo, aiutati dalla crescita della produttività.

Al contrario, l’attività nell’area dell’euro si sta riprendendo molto più gradualmente, riflettendo gli effetti persistenti dei prezzi elevati dell’energia e della più debole crescita della produttività.

Tra le economie dei mercati emergenti, paesi come l’Indonesia e l’India stanno meglio.

Ma la divergenza più evidente riguarda i paesi a basso reddito per i quali le cicatrici sono state più gravi. Tra queste nazioni, le economie fragili e colpite da conflitti sopportano il peso più pesante.

Sotto tutto ciò, il principale motore della crescita più debole è un significativo rallentamento della produttività, diffuso su vasta scala.

La nostra analisi mostra che esso rappresenta più della metà del rallentamento della crescita nelle economie avanzate e emergenti, e quasi tutto nei paesi a basso reddito.

Di conseguenza, le nostre prospettive di medio termine per la crescita globale rimangono ben al di sotto della media storica – appena sopra il 3 percento.

Senza una correzione di rotta, ci stiamo davvero dirigendo verso ‘gli Anni Tiepidi‘ – un decennio lento e deludente.

In questo momento, i decisori politici si trovano di fronte a una scelta.

Possono evitare decisioni difficili e cercare di cavarsela con politiche meno che buone.

Oppure possono fare un’altra scelta. Possono seguire il consiglio di Acheson e scegliere buone politiche: affrontare risolutamente l’inflazione e il debito; e promuovere la trasformazione economica per aumentare la produttività, l’inclusione e la crescita sostenibile.

Quello di cui abbiamo bisogno sono ‘gli Anni Trasformativi’.

Ma prima di tutto: dobbiamo riportare la stabilità dei prezzi.

Questo è il compito dei banchieri centrali, molti dei quali stanno calibrando con cura questa importante scelta politica – quando ridurre i tassi di interesse e di quanto.

Abbiamo visto cosa può realizzare una buona politica da quando l’inflazione ha toccato il picco a metà del 2022. Nel quarto trimestre del 2023, l’inflazione generale per le economie avanzate era del 2,3 percento, in ribasso dal 9,5 percento appena 18 mesi prima. Per la mediana delle economie dei mercati emergenti e in via di sviluppo, l’inflazione è scesa al 4,1 percento.

(Traduzione, neretto e sottotitoli sono del redattore di questo post)
(immagine di FMI, particolare Gli anni 2020: Turbolenti – Tiepidi o Trasformativi?)

Documenti Allegati

Testo int. (ING)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi