25 aprile 2024

Cuneo fiscale 2024

Il secondo anno consecutivo di alta inflazione ha causato un aumento delle tasse sul lavoro nei paesi dell’OCSE nel 2023, secondo un nuovo rapporto dell’OCSE sull’incidenza fiscale sul lavoro.

Il rapporto “Taxing Wages 2024” rivela che le aliquote fiscali effettive sui redditi da lavoro sono aumentate nella maggior parte dei paesi dell’OCSE, con il reddito post-tasse dei lavoratori single che guadagnano il salario medio in calo in 21 dei 38 paesi dell’OCSE.

Nella maggior parte dei paesi, l’aumento della tassazione sul lavoro è stato principalmente guidato dall’aumento dell’imposta sul reddito personale. Mentre i salari reali sono diminuiti in 18 paesi dell’OCSE, i salari nominali sono aumentati in 37 dei 38 paesi dell’OCSE, poiché l’inflazione è rimasta sopra i livelli storici.
In assenza di un’indicizzazione automatica dei sistemi fiscali in molti paesi dell’OCSE, l’alta inflazione tende ad aumentare le passività fiscali dei lavoratori spingendoli in fasce fiscali più elevate ed erodendo il valore delle detrazioni fiscali e dei benefici in denaro che ricevono.

La nuova analisi dell’OCSE si concentra sul confronto tra paesi della “incidenza fiscale sul lavoro”, definita come le tasse totali sul lavoro pagate sia dai dipendenti che dai datori di lavoro, meno i benefici familiari, come percentuale dei costi del lavoro.

Esamina otto diversi tipi di nuclei familiari, variando per livello di reddito e composizione familiare. …

Tassazione sul Lavoro – Italia

Il “cuneo fiscale” è una misura dell’imposizione fiscale sul reddito da lavoro, che comprende le tasse pagate sia dal dipendente che dal datore di lavoro.

Lavoratore single

Il cuneo fiscale per il lavoratore single medio in Italia è aumentato di 0,1 punti percentuali, passando dal 45,0% nel 2022 al 45,1% nel 2023.
Il cuneo fiscale medio dell’OCSE nel 2023 era del 34,8% (nel 2022 era del 34,7%).
Nel 2023, l’Italia aveva il quinto cuneo fiscale più alto tra i 38 paesi membri dell’OCSE, mantenendo la stessa posizione del 2022.
In Italia, l’imposta sul reddito e i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro rappresentano il 90% del cuneo fiscale totale, rispetto al 77% della media OCSE.

Coppia sposata con un solo lavoratore e due figli a carico

Il cuneo fiscale per un lavoratore con figli può essere inferiore rispetto a quello di un lavoratore con lo stesso reddito e senza figli, poiché la maggior parte dei paesi OCSE fornisce benefici alle famiglie con figli attraverso trasferimenti in denaro e disposizioni fiscali preferenziali.

In Italia, nel 2023, il cuneo fiscale per un lavoratore medio sposato con due figli era del 33,2%, posizionando il Paese all’ottavo posto più alto nell’OCSE, rispetto alla media OCSE del 25,7%.

L’Italia occupava il nono posto più alto nel 2022.

I benefici e le disposizioni fiscali legate ai figli tendono a ridurre il cuneo fiscale per i lavoratori con figli rispetto al lavoratore single medio. In Italia, nel 2023, questa riduzione (11,9 punti percentuali) era superiore alla media dell’OCSE (9,1 punti percentuali). …

 

(Cuneo fiscale 2024 Tasse immagine di Stevepb da Pixabay)

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi