5 giugno 2024

Volume del commercio al dettaglio in calo nell’area euro e nell’UE

Confronto mensile (aprile 2024 comparato con Marzo 2024)

Ad aprile 2024, rispetto a marzo 2024, il volume del commercio al dettaglio destagionalizzato è diminuito dello 0,5% nell’area dell’euro e dello 0,6% nell’UE, secondo le prime stime di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.

A marzo 2024, il volume del commercio al dettaglio era cresciuto dello 0,7% nell’area dell’euro e dello 0,6% nell’UE.

Ad aprile 2024, rispetto ad aprile 2023, l’indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio è rimasto stabile nell’area dell’euro ed è diminuito dello 0,1% nell’UE.

Confronto mensile per settore merceologico e per Stato membro

Nell’area dell’euro ad aprile 2024, rispetto a marzo 2024, il volume del commercio al dettaglio:

  • è diminuito per prodotti alimentari, bevande e tabacco (-0,5%);
  • è diminuito per prodotti non alimentari (esclusi carburanti per autotrazione) (-0,1%);
  • è diminuito per carburanti per autotrazione in negozi specializzati (-2,2%).

Nell’UE, il volume del commercio al dettaglio:

  • è diminuito per prodotti alimentari, bevande e tabacco (-0,9%);
  • è rimasto stabile per prodotti non alimentari (esclusi carburanti per autotrazione);
  • è diminuito per carburanti per autotrazione in negozi specializzati (-2,0%).

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili i dati, le maggiori diminuzioni mensili del volume totale del commercio al dettaglio si sono registrate in Lettonia (-3,3%), Cipro (-3,1%) e Danimarca (-2,7%).
Gli aumenti più elevati si sono osservati in Slovacchia (+2,4%), Bulgaria e Austria (entrambi +1,9%) e Portogallo (+1,7%).

Confronto annuale per settore merceologico e per Stato membro

Nell’area dell’euro ad aprile 2024, rispetto ad aprile 2023, il volume del commercio al dettaglio:

  • è diminuito per prodotti alimentari, bevande e tabacco (-0,5%);
  • è aumentato per prodotti non alimentari (esclusi carburanti per autotrazione) (+0,4%);
  • è aumentato per carburanti per autotrazione in negozi specializzati (+0,3%).

Nell’UE, il volume del commercio al dettaglio:

  • è diminuito per prodotti alimentari, bevande e tabacco (-0,1%);
  • è aumentato per prodotti non alimentari (esclusi carburanti per autotrazione) (+0,1%);
  • è rimasto stabile per carburanti per autotrazione in negozi specializzati.

Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili i dati, le maggiori diminuzioni annuali del volume totale del commercio al dettaglio si sono registrate in Polonia (-7,3%), Belgio (-5,8%) e Estonia (-4,9%).
Gli aumenti più elevati si sono osservati in Bulgaria e Romania (entrambi +9,8%), Croazia e Slovacchia (entrambi +8,6%) e Lussemburgo (+7,3%).

(Volume del commercio al dettaglio in calo Commercio, spesa, shopping-cart foto da Pixabay jpg)

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi