21 giugno 2024

La popolazione invecchia e le nascite non aumentano – Invecchiamento e denatalità – i conti dell’Istituto secondo i dati del Civ

  • Saldo negativo: Entro il 2032 il bilancio dell’INPS passerà da un attivo di +23 miliardi a un passivo di -45 miliardi.
  • Squilibrio generazionale: Aumenterà il numero dei pensionati rispetto ai lavoratori attivi, con un impatto negativo sul rapporto di dipendenza.
  • Incertezza sulle future pensioni: Rischio di trattamenti inadeguati a causa di carriere discontinue, bassi redditi e lavoro irregolare.

Le cause:

  • Inversione della piramide delle età: Aumento della longevità e calo delle nascite.
  • Flussi migratori insufficienti: Non compensano il saldo negativo della dinamica naturale.

Il Video dell’Audizione

A seguire, il video completo dell’audizione alla Camera dei Deputati, di giovedì 20 giugno 2024 presso l’Aula del VI piano di Palazzo San Macuto, la Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, in merito all’indagine conoscitiva sull’equilibrio e i risultati delle gestioni del settore previdenziale allargato, con particolare riguardo alla transizione demografica, all’evoluzione del mondo delle professioni, e alle tendenze del welfare integrativo, ha svolto l’audizione del presidente – Robertino Ghiselli – e altri rappresentanti del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps.

Le precisazioni dell’Istituto in seguito all’audizione parlamentare del Presidente CIV.

Pensioni INPS: nessun allarme, conti in ordine

Con riferimento alle comunicazioni del presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza(organo di rappresentanza delle parti sociali) Roberto Ghiselli rese nell’audizione odierna alla Camera dei Deputati, l’INPS precisa che non si tratta di dati e numeri inediti, ma di valori previsionali di medio periodo che sono già prudenzialmente valutati negli strumenti economico-finanziari dell’Istituto e in linea con le previsioni macroeconomiche della programmazione di bilancio dello Stato.

Il tema che si pone è quello di una loro lettura corretta e contestualizzata, ricordando che – come affermato dallo stesso presidente Ghiselli – abbiamo a che fare con uno scenario di medio e lungo periodo che potrebbe prendere forma solo in assenza di efficaci politiche di contrasto.

L’inverno demografico, il trend inflazionistico, le profonde trasformazioni della nostra società sono tutti fenomeni ampliamente attenzionati e affrontati con un’articolata strategia. Proprio per questo l’INPS, in piena sinergia con il legislatore, è attuatore di iniziative volte a favorire la stabilità e la sostenibilità del sistema, assicurando una rete di protezione e di sicurezza per il Paese.

In tal senso ricordiamo che il bilancio per l’anno 2023 restituisce la fotografia di un Istituto con i conti in ordine e ben governato: lo certifica lo stesso recente voto positivo del CIV.

Tra le principali inversioni di tendenza che possiamo registrare: l’allargamento della base contributiva sostenute dalle politiche governative sul mercato del lavoro e la costante attenzione al contenimento della spesa pensionistica.

La coesione sociale è la missione che ci affida il dettato costituzionale, in questo senso l’INPS invita tutti ad avere fiducia nella capacità del sistema Paese nel saper affrontare le sfide di cambiamento, grazie anche a un avanzato sistema di welfare, efficacemente presidiato da 126 anni dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e garantito dallo Stato italiano.

(La popolazione invecchia e le nascite non aumentano – Gente, foto da Unsplash)

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla Privacy e Cookie policy. Cliccando su "Accetta" dichiari di accettare l’utilizzo di cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi